Sassari dura solo un quarto: in Germania è strapotere Oldenburg

Coppe Europee Champions League

EWE BASKETS OLDENBURG – DINAMO BANCO DI SARDEGNA SASSARI 90-72
(23-21/24-12/20-14/23-25)

Si ferma il periodo d’oro della Dinamo Sassari che, dopo 7 vittorie consecutive, si deve arrendere a un super EWE Oldenburg, trascinata dall’uomo copertina per eccellenza Rickey Paulding (28 p. 3 r. 2 st.). Per i sardi altra solida prestazione di Dyshawn Pierre, ma il solo canadese non è bastato.

Inizio di gara molto convincente dei sardi, che dopo essersi portati più volte sopra si contendono la vetta con i locali, spinti dall’estro di Paulding. Il tira e molla dura vari minuti e a risultare determinante per il vantaggio è l’uno-due della coppia MahalbasicDe Zeeuw, che neanche le giocate di Polonara e Planinic nel finale intaccano. La tripla di Loesing sancisce il risultato (23-21). Sassari si adagia nei minuti iniziale e per i tedeschi è tempo di allungare. De Zeeuw prima, Massenat poi, per Pierre, Randolph e soci la vetta è più difficile da scalare. Il canadese della Dinamo è l’uomo che più impensierisce Oldenburg, che invece offensivamente trova il giusto equilibrio per procedere spedita verso il +8. La tripla e l’alleyoop di Paulding valgono addirittura il +12 e McConnell nel finale spedisce tutti negli spogliatoi firmando il +15 dalla media distanza: il break conclusivo dice 12-4 (47-33).
Rientrare dopo una batosta simile è difficile per la Dinamo, che da segni di vita iniziali con Polonara ma perde poi lucidità minuto dopo minuto. Alla EWE basterebbe solo giocare con il cronometro: Schwethelm e McConnell aprono all’ennesimo allungo dei padroni di casa, proseguito da un super Paulding che risponde alle insidie dei sassaresi Pierre e Randolph firmando il +20. Un vantaggio che, con 10 minuti ancora da giocare, pesa quanto un macigno per gli uomini di Pasquini (67-47). Gli ospiti ritrovano fiducia al tiro, riuscendo a trovare la retina con continuità proprio nell’ultima frazione. Oldenburg, dal canto suo, fa quel che è necessario per non trovarsi impreparato, con lucidità e consapevolezza. Loesing e Massenat non bastano per tenere il vantaggio sulla ventina; ad arginare Bamforth, Pierre e Planinic ci pensa ancora Paulding che instancabile, insieme a Massenat, non concede nulla anche nel garbage time. Tanto che alla fine è solo di due punti la differenza nel parziale. Oldenburg può festeggiare; in una nottata tedesca ha fermato la striscia positiva di Sassari (90-72).

EWE BASKETS OLDENBURG: Tadda 0, Massenat 10, De Zeeuw 12, Barac 2, Paulding 25, Mahalbasic 8, Philmore 3, McConnell 10, Schwethelm 12, Loesing 8

DINAMO BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Spissu 8, Bamforth 4, Planinic 12, Devecchi 0, Randolph 8, Pierre 16, Jones 4, Stipcevic 3, Hatcher 4, Polonara 13

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.