Alessandro Gentile con il GM Andrea Conti

Pallacanestro Varese, ecco Alessandro Gentile: “Orgoglioso di partire da questa piazza, mi sono sentito subito motivato”

Home Serie A News

Alessandro Gentile riparte da Varese con grande entusiasmo e grande voglia di tornare ad essere felice giocando a pallacanestro. E’ l’obiettivo principale, di pari passo col voler fare bene con la sua nuova maglia, di una stagione che lo vedrà tornare sui parquet della LBA dopo un anno di assenza, in cui ha giocato a Madrid. “Tutto è nato in modo molto naturale – come ha spiegato il GM Andrea Conti in fase di presentazione – nella più semplice delle situazioni, davanti ad una mozzarella di bufala” e “una parmigiana” ha aggiunto poi Gentile.

E così dopo una decina di ore di treno che Adriano Vertemati e Conti hanno speso per dirigersi verso casa di AleGent sono state poste le basi per la costruzione di un’intesa istantanea che è poi sfociata nella firma del contratto con la Pallacanestro Openjobmetis Varese. “Alessandro è l’uomo giusto per il nostro progetto, mi ha colpito molto. Ed è grazie anche ad Adriano [coach Vertemati, ndr] se Gentile ha firmato con noi. E’ la nostra pietra angolare e sono estremamente contento che sia con noi. Per Pallacanestro Varese è un giorno speciale”

Numerosi sono stati i punti e i temi toccati da Alessandro Gentile in conferenza stampa, l’obiettivo è solo uno: fare bene, ripagare la fiducia che gli è stata data dalla proprietà e da Toto Bulgheroni e dare il massimo utilizzando come carburante quell’importanza che la OJM gli ha subito fatto sentire. “Mi sono sentito subito motivato e sono molto orgoglioso di poter partire da una piazza storica come Varese. Era tutto quello di cui avevo bisogno”. Prima di giocare la sua prima partita ufficiale con la maglia varesina, Gentile conterà numerose partite da avversario di un pubblico che è sempre stato molto acceso nei suoi confronti e di cui Alessandro ha sempre riconosciuto l’energia che, da settembre (sperando che il pubblico possa tornare nei palazzetti) vuole utilizzare a suo favore e “a favore della nostra squadra” ripensando anche “alle esperienze più o meno positive degli anni passati che posso utilizzare anche per aiutare i miei compagni”.

Fisicamente sta bene. Lo stesso giocatore ha affermato che non si è mai sentito meglio come in questo periodo, soprattutto dopo l’esperienza della positività al covid “che mi ha fatto scoprire molti aspetti nuovi della mia vita”. La condizione è solo da affinare, come ovvio che sia in off-season, per arrivare “pronto al raduno” incominciando la stagione con tutta la voglia di rendere al massimo e con le aspettative su obiettivi personali e di squadra che prenderanno forma solo a stagione in corso, partendo però dal presupposto che la squadra che si formerà “sarà pronta a combattere, in cui ognuno di noi sarà pronto a sacrificarsi per i compagni, in cui ognuno di noi si dovrà sentire importante”. 

Gentile ha chiuso la presentazione cogliendo l’occasione per fare i complimenti alla Nazionale che ieri sera ha conquistato la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo e specificando che difficilmente, al momento, la maglia azzurra tornerà ad essere un suo obiettivo. Adesso Alessandro vede solo il bianco e il rosso della nuova maglia, due colori che potrebbero essere la chiave per una stagione di successo e di serenità.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.