Pesaro-Brindisi: le parole di Alberto Morea e Paolo Calbini

Serie A News

Il vice allenatore di Brindisi, Alberto Morea, presenta la gara di domani contro Pesaro:

La squadra è motivata, vive bene questo periodo ed è in salute. Giocare sabato sera, e quindi riprendere subito le sessioni di allenamento, ci ha aiutato a concentrarci verso la prossima sfida. Questa è una squadra vera, con spirito di sacrificio e disponibilità da parte di tutti. Le vittorie ti permettono di aumentare l’autostima ma è la mentalità di squadra che cresce attraverso la concentrazione e l’attenzione ai dettagli. Anche in questo senso le sensazioni sono estremamente positive.

Il cambio di allenatore ha portato una ventata di aria nuova e una risposta da parte dei giocatori con le due vittorie consecutive contro Trento e Pistoia, fondamentali per il discorso salvezza. Dovremo leggere bene la partita e i momenti in cui accelerare e stare attenti alla loro transizione. Sarà una prova difficile ma la nostra tenuta mentale dopo la vittoria con Milano non ci preoccupa.

Questo il suo commento sul nuovo arrivato in casa Brindisi, Devondrick Walker: È la sua vera seconda settimana di allenamento con carichi di lavoro pesanti seppur personalizzati. Naturalmente è un gradino al di sotto del resto della squadra per condizione fisica e inserimento nel nostro contesto ma il gruppo anche in questo caso è stato impeccabile accogliendolo nel migliore dei modi. Ci potrà dare sempre più una mano a seconda delle sue caratteristiche e qualità.

Questo, invece, il commento del vice coach Paolo Calbini:

In questo periodo Brindisi è probabilmente l’avversario più insidioso che si possa affrontare: vengono da 3 vittorie nelle ultime 4 partite, in casa contro Avellino hanno perso solo nel finale e domenica scorsa hanno battuto la capolista Milano. Sono in un ottimo momento, hanno grande fiducia, stanno giocando bene e sono molto energici in difesa e in attacco hanno molto talento con diversi giocatori con punti nelle mani.

Banks è un giocatore che ha molta esperienza in Italia e in Europa. Moraschini entra da playmaker, oltre a Banks e Chappell. Sono grossi fisicamente, Brown compensa la poca altezza con la molta energia che mette in campo in ogni match. Chappell può ricoprire diversi ruoli e fa sempre le cose giuste quando serve, oltre a essere molto intenso in difesa. Sarà una partita tosta.

Possono fare affidamento su una difesa aggressiva e sulla corsa dopo aver recuperato palla. Appena si crea l’occasione di un vantaggio, la Happy Casa è brava ad andarselo a conquistare. Dovremo essere bravi ad avere attacchi equilibrati per poi non permettere loro di correre. In settimana ci siamo allenati bene e siamo pronti per il match.

 

Foto: www.newbasketbrindisi.it

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.