Rimonta solo sfiorata per Venezia, al Taliercio vince il Partizan

Coppe Europee Eurocup Home

REYER VENEZIA-PARTIZAN BELGRADO 63-66

(11-19, 15-11, 18-18, 19-18)

Venezia esce sconfitta alla prima di Eurocup contro la corazzata Partizan degli ex Serie A Rashawn Thomas (11+13) e Mosley. Hanno sempre condotto gli ospiti, spesso anche intorno ai 10 punti di vantaggio. Gli uomini di De Raffaele, pur con un misero 5/27 da 3, non hanno mai smesso di crederci, e hanno avuto la palla del supplementare, ma Bramos non ha trovato il canestro.

Nei primi minuti le squadre sono contratte, segnano poco e soprattutto con iniziative personali. Nei secondi 5′ gli ospiti iniziano a sciogliersi coi canestri di Mosley e Peige, mentre Venezia continua a sparare da 3 senza successo.. All’ultima azione, Jaramaz mette una tripla pesante in transizione. Al 10′, il punteggio è 11-19. Continuano le difficoltà offensive della Reyer, che sprofonda a -12, poi si rialza e trova due canestri ravvicinati di Watt e Bramos. La squadra di De Raffaele prova allora a partire dalla difesa, grazie al lavoro di un energico Udanoh, ma si scontra con uno scatenato Thomas che riporta i serbi a +12. La reazione orogranata arriva, ed è firmata da Ariel Filloy, che scrive -4. A metà partita, il parziale è sul 26-30.

Al rientro, il Partizan prova un’altra accelerazione, affidandosi al duo Thomas-Mosley, che frutta il nuovo +9 e il quarto fallo di Daye. Venezia si sforza ma non riesce a tornare a contatto, perché Bircevic e Jankovic rispediscono sempre indietro i locali. Nell’ultima azione del quarto, De Nicolao pesca il coniglio dal cilindro con la tripla del -4. Dopo 30′, i serbi conducono sul 44-48. Il Partizan si riprende l’inerzia con le triple del +7 firmate da Gordic e Paige, dopo che Venezia era tornata a -1. Daye si prende i suoi sulle spalle e li riporta a -4 con 9 punti, ma poi commette il quinto fallo. In ogni caso, Venezia è in partita perché Bramos si inventa una magata per il -3. La squadra di Trinchieri trema ai liberi nel finale, totalizzando solo un 2/6 in tre gite, e lascia 3 lunghezze di differenza alla Reyer con 7″ da giocare. La preghiera di Bramos si ferma però sul ferro, la gara termina 63-66.

Venezia: Udanoh 2, Casarin, Bramos 12, Tonut 2, Daye 9, De Nicolao 9, Filloy 6, Vidmar 5, Chappell 8, Pellegrino ne, Cerella 4, Watt 6. All: Walter De Raffaele

Partizan: Walden 5, Zagorac ne, Paige 14, Gordic 7, Parakouski 2, Velikovic ne, Bircevic 3, Jankovic 2, Thomas 11, Peiners, Mosley 10. All: Andrea Trinchieri

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.