Road to the Draft: il terzo violino di Duke, Cameron Reddish

Home NCAA News

Questa volta alziamo l’asticella, andando ad analizzare uno dei migliori prospetti del Draft di quest’anno: Cameron Reddish. La guardia di Norristown ha appena concluso il suo primo (e ultimo) anno alla corte di coach K, giocando una buona stagione per i Duke Blue Devils. Forse le aspettative erano troppo alte, viste le grandi prestazioni al liceo: Reddish infatti veniva posizionato da ESPN al 3° posto nella classifica tra i migliori liceali, alle spalle dei suoi attuali compagni di squadra Williamson e Barrett. Alla Westtown School, nel suo ultimo anno al liceo, aveva infatti mantenuto 22.6 punti e 5.6 rimbalzi di media a partita. Le statistiche di Reddish ovviamente si sono abbassate facendo il salto in NCAA, soprattutto per il fatto di dover condividere i possessi con le altre due star di Duke. La guardia, nella sua stagione da freshman, ha infatti totalizzato una media di 13.5 punti e 3.7 rimbalzi in circa 30 minuti giocati a partita. Nonostante i pochi possessi e le basse statistiche, Cameron Reddish ha comunque messo in mostra buona parte delle qualità viste al liceo.

In fin dei conti “Mr. Pennsylvania” è un giocatore ad oggi fisicamente pronto per la NBA, potendo contare sui suoi 206 cm per 99 kg. Centimetri e fisicità permettono a Reddish di difendere senza difficoltà sulla maggior parte dei giocatori in campo. Il giocatore infatti si sente a suo agio a marcare sia ali, che vanno solitamente dai 201 ai 208 cm, che guardie, tra i 190 e i 200 cm. Dunque è definibile come un giocatore polivalente in difesa, ma anche in attacco, essendo in possesso di una grandissima varietà di movimenti e attacchi al canestro. Inoltre Reddish è una guardia che fa proprio del tiro dall’arco la sua arma offensiva principale. Maestro del cosiddetto “catch and shoot”, il classe ’99 dispone di un range di tiro perfetto per la NBA. La sua apertura alare di 215 cm e la sua stazza fisica, lo rendono inoltre un ottimo rim protector ed un rimbalzista eccellente.

Come stile di gioco e caratteristiche fisiche si può fare un paragone tra Reddish ed Harrison Barnes. Il freshman di Duke infatti, come l’ala piccola di Sacramento, è un ottimo difensore, in grado di dire la sua anche sulla metà campo offensiva. Cameron Reddish crescendo potrà diventare un ottimo giocatore 3&D, fondendo quindi le sue due più grandi qualità: la difesa ed il tiro da 3 punti. Le prospettive per lui sono ottime, considerando anche la sua ammirabile etica del lavoro. Il ragazzo infatti ha una grandissima voglia di migliorarsi ogni giorno, ed è solito passare ore extra in palestra per sessioni solitarie di allenamento.

Difficile dire con quale scelta verrà chiamato Reddish il 20 giugno di quest’estate, poiché il ragazzo oscilla dalla 4° alla 10° posizione nelle simulazioni dei maggiori esperti del Draft NBA. Reddish è un giocatore ambito da molte squadre, alle quali sarebbe utile un potenziale giocatore da quintetto difensivo All-NBA. Il terzo violino di Duke è pronto a fare il suo ingresso nella lega.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.