Serie A, PO Gara-1: Sassari passeggia su Cantù

Home

In un PalaSerradimigni gremito e illuminato dalla stupenda coreografia del Commando- gli ultras sassaresi- la Dinamo si aggiudica la prima gara della propria postseason passando 90-70 su quella che non può essere altro che una brutta copia della Lenovo Cantù.

2013turr09mag118
Meo Sacchetti e i suoi ragazzi non devono sforzarsi per vincere e il solo Aradori sembra  voler provare a vincere la gara, mentre dai compagni della guardia italiana arriva ben poco, in particolare da Stefano Mancinelli: 0 punti e mai in gara, oltre ad essere subissato di fischi da tutto il pubblico biancoblu per le ben note vicende di mercato che lo hanno portato in Brianza. I sardi vincono la gara nei primi due quarti senza mai perderne il timone: 13 palle perse canturine, un grande Becirovic(otto punti nel primo quarto, compresa una tripla a fil di sirena, che saranno 16 in conclusione conditi da 5 assistenze in appena 13 minuti di gioco) coadiuvato da un Tony Easley molto tonico in avvio- per poi calare nel proseguo della gara- oltre al solito forsennato e spettacolare  gioco in campo aperto, che non dà il tempo di respirare a nessun avversario; 28-12 al termine del primo quarto, e dopo un solo mini-parziale dei lombardi, e successiva scossa dei cugini Diener, 48-31 all’intervallo lungo.

2013turr09mag53
Altro parzialino (3-0) di Cantù in avvio di ripresa, ma nessuno degli avversari sembra scomposto: due triple in fila (Diener – Vanuzzo) tracciano il massimo vantaggio sassarese: 54-34 al 23’. Per una volta la squadra ospite perde l’esperienza che la contraddistingue in ambito agonistico: terzo e quarto fallo in fila di Mazzarino- apparso nervoso lungo tutto il corso della gara e spesso fin troppo “fisico”-, e mentre continuano le angherie di Drake Diener(ancora una volta miglior marcatore con 20 punti), Aradori rimane in panchina a causa di un dolore alla gamba destra. Ora è il turno di Brian Sacchetti, che argina da solo i flebili tentativi di Cusin e Ragland di ricucire lo strappo nel punteggio. Dopo la chiusura di terzo quarto sul 70-53, il quarto periodo è tutta accademia, o garbage time che dir si voglia: la Dinamo riesce a gestire il vantaggio e porta a casa la partita. Meo Sacchetti non ha dovuto spremere troppo Gordon a cui ha concesso appena 12 minuti in campo e come detto in apertura nemmeno gli altri biancoblu paiono aver faticato troppo. 2013turr09mag161

Ci si aspetta un atteggiamento completamente diverso- sarà compito di coach Trinchieri motivare i ragazzi- da parte dei brianzoli in Gara-2, ma i giochi si faranno molto più interessanti al Pianella dove Cantù farà sicuramente fuoco e fiamme sulla spinta del pubblico amico.  Per intanto i sardi si godono il vantaggio nella serie con il punto del 2-0 ad aspettarli Sabato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.