Una Biella decimata lotta fino all’ultimo ma la corazzata Torino ha la meglio

Serie A2 Recap

EDILNOL BIELLA – REALE MUTUA BASKET TORINO 60-76

(17-25, 17-13, 13-17, 13-21)

Al via il campionato di Serie A2. Subito in scena un derby tutto piemontese tra la Edilnol Biella e la Reale Mutua Torino, due compagini estremamente diverse tra di loro per roster ed ambizioni. La giovane Biella guidata da coach Squarcina si presenta al match decimata (solo 8 giocatori a referto), dovendo fare i conti con le assenze di Laganà, Berdini, Vincini e Moretti affetti da Covid19 e quella di Barbante per un infortunio alla caviglia. Torino invece, così come per le Final8 di Supercoppa, è costretta a rinunciare al solo Kruize Pinkins.

I primi canestri del campionato sono firmati da Wojciechowski, che dalla linea del tiro libero porta avanti i padroni di casa. Alibegovic non si fa pregare e in men che non si dica sblocca torino e con una tripla controsorpassa. La partita, nonostante i pronostici, si incanala sui binari dell’equilibrio che prosegue fino al 10-10, prima che Clark e Diop diano il via ad un mini parziale torinese che porta il punteggio sul 12-19. Lugic prova a dare una scossa all’Edilnol, ma nelle azioni successive lo stesso serbo fallisce alcune conclusioni dalla distanza che permettono a Torino di respirare e chiudere il primo quarto sul 17-25.
Bertetti apre il secondo quarto con un ottimo pick&roll giocato insieme a Wojciechowski. La zona schierata da coach Squarcina, che manda in campo anche il giovanissimo Aimone (classe ’04), funziona e costringe la Reale Mutua a molte palle perse che condizionano il ppuntaggio. Una tripla di Cappelletti sblocca alcuni minuti di blackout ma è ancora Bertetti a dare brio alla partita con un altro passaggio che spiazza la difesa torinese e permette ad Hawkins di schiacciare al volo. I gialloblu continuano a faticare non tanto nella costruzione offensiva quanto nell’essere concreti e allora i rossoblu ne approfittano accorciando fino al -3 (32-35). Wojciechowski allo scadere dei “24 firma il -1 ma dall’altro lato del campo Clark non si fa pregare e dopo un buon giro-palla dei suoi compagni infila la tripla del 34-38.

Al rientro in campo dagli spogliatoi, Torino si fa subito sentire nel pitturato con la fisicità di Diop. Cappelletti prende in mano le redini della Reale Mutua e conduce un parziale che regala molto ossigeno a Torino. Wojciechowski continua ad essere protagonista tra le fila rossoblu e, dopo una grande schiacciata, subisce fallo da Toscano e con il 2/2 ai liberi porta Biella sul 43-49. Quando Torino riesce a far girare bene la palla e a pescare in ritmo le sue bocche di fuoco si rivela letale e lo dimostra con la tripla di Clark che ricaccia indietro l’Edilnol. Hawkins segna il suo 15esimo punto per tenere viva Biella ma è ancora Clark a bucare la retina per il +10 gialloblu. Il terzo quarto si chiude sul 47-55 per Torino.
Diop apre l’ultima frazione con un altro canestro e fallo, non concretizza il libero supplementare ma Alibegovic ruba un rimbalzo offensivo. Biella prova a rifarsi sotto tornando fino a -6 grazie a Hawkins, Torino è brava a leggere il mis-match tra Diop e Bertetti permettendo al lungo di completare un altro 2+1 prima di perdere un pallone sanguinosissimo che consente all’Edilnol di strappare il -5 (55-60). Campani ed Hawkins perdono un pallone a testa, Toscano subisce sfondamento da Miaschi e nell’azione successiva Clark mette a segno un’altra bomba, prima che Bushati rubi palla e corra in contropiede per il 56-65. Campani e Toscano, intervallati da un canestro di Lugic, portano la Reale Mutua a +11 e il canestro e fallo di Cappelletti mette la parola fine sul match a 2 minuti dalla fine (58-71). Gli ultimi possessi servono solo a fissare il punteggio sul definitivo 60-76.

 

TABELLINI

 

Edilnol Biella: Lugic 9, Wojciechowski 15, Bertetti, Pollone 6, Pietra, Aimone, Hawkins 20, Miaschi 10. All. Squarcina

Reale Mutua Torino: Origlia, Bushati 4, Cappelletti 7, Clark 28, Campani 10, Diop 20, Ferro ne, Penna, Pinkins ne, Pagani, Alibegovic 5, Toscano 2. All. Cavina

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.