A2 Est: vincono Ferrara, Mantova e Verona; primi punti per Recanati

Home Serie A2 Recap

Dopo le vittorie, negli anticipi di ieri e di venerdì, di Treviso e Brescia rispettivamente su Jesi e Chieti, oggi si giocavano, alle ore 18, quattro partite della quinta giornata di Serie A2 Est. Aspettando Bologna – Legnano di stasera alle ore 20.00 e Roseto – Imola di domani. Ad affrontarsi, nel tardo pomeriggio, erano Ferrara contro Treviglio, Matera contro Mantova, Ravenna contro Verona e Recanati contro Trieste. Vediamo come sono andate queste partite.

BONDI FERRARA – REMER TREVIGLIO 99 – 92

(28-25; 28-29; 21-16; 22-22)

Al Pala Hilton Pharma di Ferrara coach Morea comincia con Rush, Ibarra, Bucci, Henderson e Brkic; mentre coach Vertemati risponde con Kyzlink, Sorokas, Tambone, Rossi e Turel. I primi punti del match li mette a segno Ferarra con Brkic, che porta i suoi sul 3-0, ma Kyzlink risponde subito per Treviglio e ristabilisce la parità. Poi sono gli ospiti che provano a scappare, Sorokas porta, infatti, a +4 la Remer, la Bondi, però, si rimette subito in carreggiata e dopo il pareggio, trova il nuovo vantaggio con Lestini. Nonostante il rientro dei trevigliesi che ritrovano anche il pareggio, Ferrara riesce a chiudere il primo periodo in vantaggio di tre punti. Nel secondo periodo i ferraresi mantengono il vantaggio e con Lestini trovano anche il +5. Treviglio fa fatica all’inizio, ma poi riesce a trovare anche il -1 con Marino. I padroni di casa allungano nuovamente e con Ibarra trovano il nuovo +6, gli ospiti, però, non mollano e trovano il +2 con Turel. La Bondi non ci sta e riprende in mano la gara, trovando il nuovo +5 con la tripla di LosiBrkic allunga a +7 per Ferrara, ma Treviglio rientra, grazie a MarinoSorokas. Gli ospiti rimettono anche la testa avanti, ma i padroni di casa riescono comunque a chiudere il primo tempo in vantaggio. 56-54 il punteggio.

Nel secondo tempo Turel trova il pareggio per la Remer e poi anche il sorpasso, +4 per Treviglio. La Bondi non molla e riporta la gara in parità con Brkic. Il risultato resta bloccato per qualche minuto e nessuna delle due squadre trova l’allungo vincente. Poi, però, sono i padroni di casa a portarsi sopra fino al +5, grazie alla tripla di Losi. Gli ospiti non vogliono mollare e con Sorokas trovano il -2, ma Ferrara non si scompone e chiude il terzo quarto sopra di sette punti. Bucci, infatti, piazza la tripla del +7 proprio nel secondi finali. Nel quarto finale Marino prova a rimettere Treviglio in partita, ma Rush rimette a +7 Ferrara. Gli ospiti, però, non mollano e rosicchiano ancora qualche punticino, fino a quando Ibarra porta a +10 la Bondi. Nei minuti finali Chillo prova a ridurre lo svantaggio della Remer, ma Ferrara rimane sempre sopra nel punteggio e vince la partita. Finisce 99-92. Ferrara sale a quota quattro punti e aggancia proprio Treviglio, che resta a quota quattro in classifica.

David Brkic è ufficialmente un nuovo giocatore della Pallacanestro Ferrara (espressonline.it).MVP: David Brkic: l’italiano mette al servizio di Ferrara tutte le sue qualità, sia in attacco che in difesa, condite da una buona dose di sostanza. Chiude con 18 punti e 9 rimbalzi. FORZA DELLA NATURA!

TABELLINI:

BONDI FERRARA: Rush 17, M.Ebeling ne, Lestini 8, Ibarra 11, Bucci 18, Losi 12, Salafia 0, Verrigni 0, Henderson 15, Ghirelli ne, Brkic 18, Ferrara ne; RIMBALZI: 36 (Brkic 9); ASSIST: 18 (Ibarra, Losi 5); TIRI DA 2: 36/41; TIRI DA 3: 22/43; TIRI LIBERI: 132/18;

REMER TREVIGLIO: Savoldelli 3, Ferri ne, Chillo 13, Kyzlink 7, Sorokas 16, Marino 15, Spatti 3, Tambone 11, Rossi 10, Turel 14; RIMBALZI: 28 (Chillo 6); ASSIST: 16 (Sorokas 3); TIRI DA 2: 30/52; TIRI DA 3: 6/20; TIRI LIBERI: 14/14;

BAWER MATERA – DINAMICA GENERALE MANTOVA 75 – 90

(23-25; 16-23; 22-22; 14-20)

moraschini mantovaAl PalaSassi di Matera coach Cadeo parte con Guarino, Mastrangel, Corral, Okoye e Rugolo; mentre coach Martelossi risponde con Di Bella, Moraschini, Ndoja, Simms e Hurtt. Matera mette a segno i primi punti del match con Guarino, mentre Mantova sembra faticare all’inizio, tanto che i padroni di casa allungano anche sul +6 con Mastrangelo. Nei minuti finali ecco arrivare la rimonta della Dinamica, che prima trova il pari con Ndojpoi va a +2 con Moraschini. Nonostante il tentativo di riequilibrare la partita da parte della Bawer, gli ospiti chiudono il primo quarto avanti di due. Nel secondo periodo arriva subito la reazione di Matera, che trova il pareggio con Corall, e poi il +2 con Guarino. Da questo momento in poi la partita cambia, ma non in meglio per i padroni di casa, in peggio. Infatti Mantova spinge sull’acceleratore e si porta a +6 con Ndoja. Matera reagisce, ma è un fuoco di paglia, poiché Moraschini trova la tripla del +9 per Mantova. Il risultato non cambia e il primo tempo si chiude sul 39-48.

Nel secondo tempo Mantova parte fortissimo e con Hurtt trova il +12. Matera prova a riportarsi in gara con RugoloMastrangelo e giunge al -5, ma i padroni di casa trovano la forza di allungare nuovamente. Moraschini, infatti, ne mette cinque di fila e porta la Dinamica al +10. La Bawer non molla, stringe i denti e a poco a poco si rifà sotto: Mastrangelo trova il -3, ma Amici risponde con la tripla del +6 ospite. Gandini trova anche il +9 e Mantova chiude sopra anche il terzo quarto. GergatiHurtt aumentano il vantaggio della Dinamica nell’ultimo periodo e la portano a +15. La timida reazione della Bawer non scalfisce il vantaggio dei veronesi, che amministrano senza problemi fino alla fine. Il punteggio finale recita 75-90. Mantova con questa vittoria si porta a otto punti in classifica, mentre Matera resta a quota due.

MVP: Riccardo Moraschini: è lui il trascinatore di Mantova nei momenti decisivi. I suoi tiri sono quasi sempre infallibili e le sue giocate determinanti per la vittoria dei suoi. Chiude con 18 punti. UOMO SQUADRA!

TABELLINI:

BAWER MATERA: Hamilton ne, Corral 10, Okoye 11, Cantagalli 4, Rugolo 12, Bertocco 0, Loperfido ne, Zahaire 0, Guarino 25, Mastrangelo 13; RIMBALZI: 25 (Okoye 6); ASSIST: 9 (Guarino 7); TIRI DA 2: 22/40; TIRI DA 3: 6/21; TIRI LIBERI: 13/14;

DINAMICA MANTOVA: Ndoja 14, Alviti 0, Fumagalli 0, Moraschini 18, Di Bella 4, Simms 15, Hurtt 15, Gandini 2, Amici 0, Gergati 9, Amici 13; RIMBALZI: 39 (Simms 8); ASSIST: 10 (Ndoja 4); TIRI DA 2: 27/41; TIRI DA 3: 8/26; TIRI LIBERI: 12/15;

spanghero verona

ORASI’ RAVENNA – TEZENIS VERONA 59 – 68

(15-19; 13-18; 14-15; 17-16)

Al Pala DeAndrè di Ravenna coach Martino parte con Smith, Malaventura, Rivali, Masciadri e Smorto; mentre coach Crespi inizia con  Boscagin, Da Ros, Chikoko, Rice e Spanghero. Verona trova i primi punti del match con Da Ros, ma Ravenna pareggia subito con Smith. I veronesi riescono comunque ad allungare, grazie ad altri tre punti di Da Ros e arrivano al +6. Nonostante SmortoMalaventura riportino Ravenna al pareggio, Verona ritrova il vantaggio con Sapanghero e chiude il primo quarto in vantaggio di tre. Nel secondo periodo la Tezenis resta comodamente in vantaggio, anche se l’Orasì prova a riaprirla con il -2 di Deloach, ma ci pensano SaccaggiRicci ad allungare per la Scaligera, che vola a +10. Ravenna prova una timida reazione, ma non riesce ad impensierire troppo gli ospiti. Il primo tempo si chiude così con Verona a +9, risultato sul 28-37.

All’inizio del secondo tempo Malaventura prova a ridurre lo scarto dei ravennati, portandoli a -6, ma gli scaligeri non mollano e con Chikoko trovano il +8. Verona riesce a controllare senza problemi il match e solo nei minuti finali del quarto Ravenna si rifà sotto: Smith trova, infatti, il -4. Spanghero, però, dice di no alla rimonta dell’Orasì e porta a +10 i suoi, la Scaligera, quindi, chiude il terzo quarto sopra in doppia cifra. Ravenna cerca la rimonta e Masciadri Smith riducono lo svantaggio fino al -6, ma Verona non si piega del tutto, torna a +12 con Cortese e vince la gara. A nulla serve, infatti, la disperata rimonta dei padroni di casa nel finale di gara. La partita finisce 59-68. Verona sale a quota sei punti in classifica, Ravenna resta a quattro.

MVP: Marco Spanghero: una gara da incorniciare quella disputata oggi dal playmaker di Verona. Sono, infatti, 24 i punti messi al segno dall’atleta triestino, punti fondamentali per la vittoria finale. STRATOSFERICO!

TABELLINI:

ORASI’ RAVENNA: Smith 14, Deloach 15, Malaventura 5, Cicognani 2, Rivali 4, Raschi 7, Manetti ne, Masciadri 11, Smorto 1, Scaccabarozzi ne, Seck ne, Salari 0; RIMBALZI: 29 (Smith 12); ASSIST: 10 (Deloach 5)TIRI DA 2: 19/31; TIRI DA 3: 3/14; TIRI LIBERI: 12/22;

TEZENIS VERONA: Bernardi ne, Saccaggi 3, Ricci 5, Petronio ne, Boscagin 3, Cortese 6, Michelori 8, Da Ros 5, Chikoko 10, Rice 4, Spanghero 24; RIMBALZI: 35 (Chikoko 6); ASSIST: 11 (Spanghero 4); TIRI DA 2: 17/35; TIRI DA 3: 8/27; TIRI LIBERI: 10/13.

BASKET RECANATI – PALLACANESTRO TRIESTE 2004  71 – 67

(22-10; 11-24; 21-14; 17-19)

Al PalaCingolani coach Zanchi parte con Lauwers, Traini, Bonessio, Lawson e Solazzo. Mentre coach Dalmasson comincia con Parks, Bossi, Pecile, Pipitone e Zahariev. Bonessio realizza i primi punti del match per Recanati, ma Trieste reagisce subito con Bossi. Recanati prende in mano la partita e riesce a scappare, tanto che con Traini trova il +5. Trieste prova a restare in partita con Parks, ma i padroni di casa sembrano avere una marcia in più, infatti allungano fino al +10, sempre con Traini protagonista, nonostante Trieste riesca a rifarsi sotto fino al -2. Sollazzo porta anche a +12 Recanati e Trieste rimane stordita, il primo periodo è un trionfo per i padroni di casa. Nel secondo quarto ancora Sollazzo allunga a +14 per Recanati, ma Trieste reagisce con orgoglio e rientra in gara. Prima trova il -5, dopo i due punti di Zahariev, e poi il pareggio, con Pecile. Ora sono i ravennati ad essere in difficoltà, ma Trieste riesce a trovare solo il +1 nel finale e chiude il primo tempo in vantaggio. 33-34 il risultato.

Nel secondo tempo Lauwers riporta avanti Recanati con una tripla, ma Parks riporta a +1 i triestini. La gara resta per lungo tempo in equilibrio, con continui cambi di punteggio, ma nessuna squadra riesce ad avere la meglio. Recanati trova il +4 con Pierini e poi il +6 con Traini e la gara cambia. Trieste non trova più il pallino del gioco e chiude il terzo tempo sotto di cinque. Nell’ultimo quarto Recanati amministra e non sembra correre nessun rischio, tanto che Lawson trova anche il +8. Solo nel finale di gara la partita si accende e Trieste trova il pareggio con un grande Parks. I padroni di casa hanno la forza di reagire e si riportano sopra con LawsonPierini a +5, gli ospiti non ne hanno più e non riescono più a rimontare. Finisce 71-67. Recanati trova, quindi, i primi punti di questa stagione, mentre Trieste resta a quota quattro in classifica.

Andrea Traini ritorna ufficialmente a Recanati (basketrecanati.it).
(basketrecanati.it).

MVP: Andrea Traini: con i suoi 25 punti il giovane italiano si erge a grande protagonista del match. La prima vittoria di Recanati porta soprattutto la sua firma. GRANDIOSO!

TABELLINI:

BASKET RECANATI: Pierini 14, Lauwers 8, Traini 25, Procacci 0, Bonessio 4, Amorese, Maspero 0, Lawson 4, Sollazzo 16, Forte 0, Braida ne, Nwkoye ne ; RIMBALZI: 28 (Bonessio, Lawson 7); ASSIST: 8 (Traini, Bonessio, Lauwers 2); TIRI DA 2: 18/34; TIRI DA 3: 6/18; TIRI LIBERI: 17/21.

PALLACANESTRO TRIESTE 2004: Parks 21, Bossi 13, Coronica 0, Pecile 8, Baldasso 0, Landi 8, Prandin 6, Pipitone 1, Canavesi 2, Zahariev 8; RIMBALZI: 38 (Coronica, Zahariev 6); ASSIST: 19 (Bossi 5); TIRI DA 2: 20/38; TIRI DA 3: 4/24; TIRI LIBERI: 15/22.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.