Avellino-Milano, le parole di Maffezzoli e Pianigiani dopo Gara-3

Home Serie A News

Dopo Gara-3 tra Sidigas Avellino e AX Armani Exchange Milano, le parole dei due coach in conferenza stampa.

Massimo Maffezzoli, Avellino:

C’è grande gioia, è giusto festeggiare ed è giusto prenderci ogni briciola dell’energia contagiosa vista questa sera. Finalmente ci siamo meritati un palazzetto pieno e caldo: ho sempre detto che dovevamo meritarcelo e le due gare a Milano ci dicono che ce lo siamo meritato. Spero di non emozionarmi perché i ragazzi stasera hanno fatto qualcosa di speciale. Sapete che da più di un mese combattiamo con varie problematiche: questo gruppo invece nelle problematiche si è compattato. Ci sono ragazzi che non possono allenarsi e poi invece giocano e altri che mi vengono a dire che non ce la fanno e poi  invece giocano trenta minuti. Questi ragazzi meritano tutto quello che stanno ottenendo.

Abbiamo fatto tre quarti difensivi ai limiti della perfezione, con aggressività e ferocia: la valutazione parla chiaro, nonostante per la prima volta la squadra che ha dominato al rimbalzo non ha vinto la partita. Detto questo, siamo già in modalità Gara-4: cercheremo di presentarci sul parquet per chiuderla, il nostro obiettivo deve essere questo. Questi ragazzi hanno l’anima e l’anima spesso ti porta dove le gambe non riescono. Sono certo che venerdì mentalmente saremo pronti. Non ho molto altro da aggiungere: forse questa è stata la più bella partita dell’anno in termini di cuore e grinta. Eccellente prestazione da parte dei miei giocatori: nessuno si è tirato indietro e questa è la cosa più bella di questo gruppo. Faccio fatica a palare dei singoli perché tutti, dal primo all’ultimo, questa sera hanno dato qualcosa in campo.

Fonte: ufficio stampa Scandone Avellino

Simone Pianigiani, Milano:

Abbiamo commesso errori tecnici enormi per poter vincere una partita di playoff fuori casa. Gli errori iniziali potevano starci, qualcuno eccessivo, ma poi l’abbiamo rimessa in piedi e nel finale siamo tornati a commettere gli stessi errori. Ci siamo innervositi nella tonnara del secondo periodo prendendo tiri dopo due passaggi perché erano tiri che i miei giocatori normalmente mettono, ma non stasera. Nel secondo tempo eravamo tornati con la partita in mano, abbiamo poi fatto due iniziative difensive sbagliate in una partita che dietro però abbiamo giocato bene. Gli errori offensivi sono stati gravi, ad esempio su due antisportivi ovvero quattro tiri liberi e due possessi abbiamo prodotto appena due punti. Dovevamo dare la spallata invece siamo tornati a sbagliare. La mia sensazione è che dopo una stagione dominata, trovandosi senza alcuni punti di riferimento, i miei si siano innervositi. Ma ora siamo spalle al muro, abbiamo giocatori esperti e conosciamo la situazione quindi infortuni o no – Brooks alla fine zoppicava, da tempo gioca con problemi, Nedovic vedremo se ce la farà a giocare ancora – ci inventeremo qualcosa per giocare una gara 4 con tutto quello che abbiamo.

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.