Biella batte l’Orlandina e prova a vedere la salvezza

Serie A2 Recap

EDILNOL BIELLA – CAPO D’ORLANDO 106-88

(32-26; 20-22; 29-29; 25-11)

 

L’Edilnol Biella riesce a ottenere la seconda vittoria consecutiva (prima volta quest’anno) e a riaprire le speranze di salvezza diretta, portandosi a una vittoria di distanza da Capo d’Orlando, ribaltando anche la differenza canestri. E’ stata una vittoria di squadra per i rossoblu che, privi ancora di capitan Laganà, sono riusciti a sconfiggere i siciliani con una prestazione di squadra, più di quanto dica il tabellino (24 punti per Hawkins e 28 per Carroll): infatti D’Almeida è stato protagonista nel primo quarto, mentre Bertetti, Miaschi e Pollone lo sono stati nelle fasi cruciali e dell’ultimo periodo vinto dai piemontesi per 25-11. Per l’Orlandina oltre alle solite ottime prove di Johnson e Floyd (rispettivamente 27 e 21 punti), da rimarcare anche la buona prova di Moretti (13p + 9r); nonostante ciò la squadra di Sodini esce sconfitta dal Forum in una partita che l’ha sempre spesso rincorrere, senza mai riuscire a contenere veramente l’attacco di Biella. Decisivo il parziale di 11-1 per l’Edilnol a inizio ultimo periodo, che ha indirizzato definitivamente l’incontro verso Biella.

Inizio di partita equilibrato, dopo 5’ il punteggio è di 11-11, ma qui Biella piazza il primo allungo con 6 punti consecutivi di D’Almeida e una bomba di Carroll portandosi a +5. Floyd prova a riportare sotto gli ospiti, ma Bertetti chiude il primo quarto con una tripla per il 32-26. RL’Edilno segna da sotto con Barbante e Vincini, così Sodini è costretto al timeout coni suoi sul -10, e la sospensione sortisce effetti immediati perché la difesa tiene e con un parziale di 8-0 chiuso dalla tripla di Laganà i siciliani sono di nuovo a contatto. La partita è equilibrata, l’Orlandina si porta 2 volte in vantaggio con le triple di Del Debbio e Taflaj, ma Biella risponde sempre dall’arco con Berdini e Hawkins; all’intervallo il tabellone segna 52-48. Nel secondo tempo la partita resta sempre viva e scorre sugli stessi binari del primo: Biella prova a scappare (tripla di Miaschi per il +6), ma la coppia Floyd-Johnson riesce sempre a tenere i siciliani in scia: al 26’ la partita è di nuovo in parità a quota 66. Pollone è uno di quei giocatori che si vede poco ma si “sente” tanto, infatti prima con un rimbalzo in attacco e poi con un assist, consente a Carroll e Bertetti di segnare i canestri del nuovo +7 Edilnol. Capo non vuole saperne di uscire dalla partita, Gay infila dall’arco ma ancora Bertetti da 8 metri segna la tripla del 81-77 all’ultima sirena. Un paio di scelte offensive infelici di Floyd consentono un nuovo allungo per l’Edilnol, che al 33’ si porta sul +8 grazie al canestro dall’arco di Hawkins, Sodini chiama timeout ma sarà costretto a sospendere nuovamente il match dopo poche azioni perché se da una parte Floyd sbaglia nuovamente in attacco, dall’altra Hawkins capitalizza con due canestri per il 92-80 che si rivelerà l’allungo decisivo. Infatti l’Orlandina sembra aver subito definitivamente il colpo, e quando Carroll segna 5 punti in fila per il +17, cala il sipario sulla partita. Biella vince 106-88.

Edilnol Pallacanestro Biella: Berdini 7, Moretti, Loro, D’Almeida 14, Bertetti 9, Marco Laganà n.e., Barbante 4, Miaschi 16, Vincini 2, Pollone 2, Hawkins 24, Carroll 28. All. Iacopo Squarcina.

Orlandina Basket Capo d’Orlando: Ravi n.e., Taflaj 10, Conti, Gay 11, Floyd 21, Matteo Laganà 3. Johnson 27, Del Debbio 3, Triassi n.e., Moretti 13, Klanskis. All. Marco Sodini.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.