Blocco degli stipendi in casa Fortitudo: la ferma risposta della GIBA

Home Serie A News

La lettera inviata ai giocatori della Fortitudo Bologna da parte del Presidente Christian Pavani, in cui ha annunciato il blocco degli stipendi a causa dei risultati non all’altezza delle aspettative, oltre ad un atteggiamento da lui definito non positivo, ha scosso tutto l’ambiente della pallacanestro italiana.

Nella mattinata è arrivata la pronta risposta di Alessandro Marzoli, presidente della GIBA, riportata sul Corriere dello Sport: “L’accordo collettivo, all’articolo 26 comma 3, prevede che non possano mai essere adottati dei provvedimenti disciplinari, che vanno comunque comunicati in maniera formale, in relazione al mancato conseguimento di risultati di squadra o al rendimento del singolo atleta che non siano conformi alle aspettative della società. In questo caso specifico, se non ci trovassimo davanti allo sfogo di un presidente che magari nutriva aspettative ben diverse, avremmo tra le mani un provvedimento illegittimo e inefficace“.

Francesco Manelli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.