brandon jennings

Brandon Jennings è un grande protagonista del titolo dei Bucks

Home NBA News

Brandon Jennings, che in NBA non mette piede dal 2018, stesso anno anche dell’ultima sua partita fuori dalla Lega, allo Zenit, è tornato sorprendentemente popolare negli ultimi giorni. L’ex giocatore era presente in tribuna per Gara-6, quella della vittoria del titolo NBA dei Milwaukee Bucks che ha fatto avverare, con soli 8 anni di ritardo, la sua previsione del 2013. Prima di quei Playoff, con i suoi Bucks impegnati al primo turno contro la #1 della Eastern Conference, i Miami Heat dei Big Three, Jennings sentenziò: “Bucks in 6”. Gli Heat impiegarono solo 4 partite ad eliminare Milwaukee e la dichiarazione del playmaker divenne un meme perenne.

Ora che però i Bucks sono davvero riusciti a vincere “in 6”, grande spazio è stato dedicato a Jennings durante i festeggiamenti. L’ex giocatore non è stato soltanto in tribuna come tifoso della squadra che lo ha lanciato in NBA e con la quale è sceso in campo dal 2009 al 2013 e poi ancora, per una manciata di partite, nel 2018: ha partecipato attivamente alla festa. Jennings era nello spogliatoio di Milwaukee a farsi foto con il Larry O’Brien Trophy e fumare sigari, così come era anche sul set dello shooting di rito per chi vince il titolo NBA, quasi come facesse ancora parte dei Milwaukee Bucks.

In queste ore si sta svolgendo, per le strade di Milwaukee, anche la parata della squadra per la vittoria del primo titolo dal 1971. Indovinate un po’ chi fa parte di quei festeggiamenti. Proprio lui, Brandon Jennings, definito addirittura, ironicamente, una “leggenda” della franchigia dall’account ufficiale di Twitter.

E come se non bastasse, ultimo ma non meno importante, Tony Evers, Governatore del Wisconsin, poco fa ha proclamato il 22 luglio come il “Bucks In 6” Day.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.