Copa del Rey 2015, quarti di finale: lo Joventut espugna la Gran Canaria Arena, il Real è l’altra semifinalista

Estero Home Spagna

Real Madrid – CAI Saragozza 85-73

Rudy Fernandez e la sua prestazione a tutto campo: 16 punti, 6 rimbalzi e 6 assist.
Rudy Fernandez e la sua prestazione a tutto campo: 16 punti, 8 rimbalzi e 6 assist.

Il Real batte un combattivo CAI grazie ad una seconda metà di gara da urlo ed entra nel ruolo di semifinalista.

La partita inizia in modo molto equilibrato, con entrambe le squadre che si affrontano a viso aperto senza remore. Rudy Fernandez da una parte, Marcus Landry dall’altra; questo il leit-motif dei promi dieci minuti di gioco, che si chiudono in perfetta parità (21-21).

Nel secondo quarto sono addirittura gli underdog aragonesi a passare in vantaggio, grazie all’ottima circolazione di palla, finalizzata nel migliore dei modi dalla discreta serata al tiro di Chris Goulding e il lavoro interno di Katic, Norel e Landry. È proprio la supremazia nel pitturatato che consente a Saragozza di entrare negli spogliatoi con la sensazione ambivalente che comporta l’essere in vantaggio contro il Real Madrid; orgoglio e ansia allo stesso tempo.

E se gli uomini di coach Ruiz provavano più ansia negli spogliatoi, non avevano tutti i torti: dagli spogliatoi esce un Real Madrid più agguerrito che mai, che piazza un parziale-record di 30-15. Sotto i colpi dalla lunga distanza di Carroll, Rodriguez e Fernandez il CAI crolla e precipita nel punteggio, ma non nel morale. Nel’ultimo periodo, infatti, Saragozza tenta di reagire con i soliti noti, ma il Real amministra l’importante vantaggio e mette in cassaforte vittoria e qualificazione. In semifinale, Los Blancos affronteranno il FIATC Joventut, che li ha più volte messi in difficoltà nell’arco del campionato.

Real Madrid: Rivers 9, Fernandez 16, Nocioni, Campazzo, Maciulis 7, Reyes 10, Rodriguez 11, Ayon 6, Carroll 13, Llull 11, Bourousis 2, Slaughter.
TL 3/8, T2 23/37, T3 12/29.
Rimbalzi: 34 (Fernandez 8)
Assist: 18 (Fernandez 6)

CAI Saragozza: Garcia, Lisch, Llompart 4, Katic 12, Sastre 3, Tomas 5, Robinson 4, Landry 12, Norel 14, Fontet, Goulding 12, Jelovac 7.
TL 25/31, T2 15/41, T3 6/22.
Rimbalzi: 41 (Jelovac 10)
Assist: 12 (Llompart e Katic 4)

Herbalife Gran Canaria – FIATC Joventut 67-74

Sergi Vidal, che partita!
Sergi Vidal, che partita!

Storico successo per lo sfortunatissimo Joventut, che raggiunge le semifinali di Copa del Rey dopo sette anni. Los Verdinegros avevano avuto sfortuna con il sorteggio, pescando la squadra di casa – il che significa giocare davanti a un pubblico per 9/10 ostile – ma ciononostante, sono riusciti a passare il turno.

Il primo quarto si gioca all’insegna della difesa e non potrebbe essere altrimenti quando si affrontano i due migliori stoppatori del campionato – Sitapha Savané (Joventut) e Walter Tavares (Gran Canaria). Un ispirato Kyle Kuric accompagna una buona produzione in attacco all’ostica difesa dell’Herbalife, e i padroni di casa finiscono la prima frazione di gioco in vantaggio (16-11).

Già nel secondo quarto, tuttavia, lo Joventut è in grado di ribaltare lo svantaggio e trasformare l’inerzia del match a proprio favore. Sergi Vidal è il leader silenzioso della squadra e si fa trovare sempre pronto in ogni azione, macinando punti su punti. In pochi minuti il parziale di 5-15 stravolge le gerarchie viste in campo nei primi 10’. All’intervallo gli ospiti guidano il match per 28-34.

Anche il secondo tempo è una storia di sorpassi e contro-sorpassi. Gran Canaria non si arrende minimamente e al rientro dagli spogliatoi esprime il proprio miglior basket grazie alle bombe di Kuric e ai nove punti nel quarto di Levon Kendall, spina nel fianco della difesa avversaria. È di nuovo lo Joventut, però, a prendere in mano le redini del gioco nel momento decisivo: 4-14 il parziale d’apertura dell’ultimo quarto con cui Los Verdinegros mettono a sedere definitivamente Newley e compagni. I pio-pio tentano di rientrare in partita in qualche modo, ma Vidal è abilissimo a gestire la tensione e a trasmettere calma ai compagni; è sua la schiacciata che mette la parola fine alla partita, con il FIATC che conquista una storica semifinale contro il Real Madrid.

Herbalife Gran Canaria: Oliver 9, Newley 8, Salin, Urtasun, Bellas 3, Baez 11, Kendall 9, Pauli, Tavares, Kuric 19, O’Leary 4, Summers 4.
TL 13/15, T2 18/39, T3 6/25.
Rimbalzi: 28 (Tavares 10)
Assist: 6 (Baez 2)

FIATC Joventut: Mallet 14, Vidal 21, Llovet 7, Miralles 4, Hannah 8, Suton ne, Ventura, Abalde 2, Savané 8, Kirskay 2, Barrera ne, Suarez 8.
TL 13/17, T2 20/30, T3 7/26.
Rimbalzi: 37 (Llovet 7)
Assist: 14 (Savané 4)

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.