Italia – Croazia, le pagelle: Melli spicca in un’impresa di squadra contro un Bogdanovic sontuoso

Eurobasket 2022 Home Nazionali

L’Italbasket di coach Gianmarco Pozzecco rialza subito la testa dopo la brutta sconfitta con l’Ucraina trovando la vittoria contro la Croazia, agguantando i baltici nella classifica del gruppo C con un record di 2-2: di seguito le pagelle dell’incontro.

 

ITALIA

DATOME 6: il capitano azzurro gioca 15′ non trovando quasi mai il ritmo partita, con il canestro a rimbalzo d’attacco nel finale merita la sufficienza e la fiducia di coach Pozzecco che lo preferisce (quasi inspiegabilmente) a Polonara.

FONTECCHIO 7: il leader offensivo della squadra a tratti risente della fatica fisica, ma quando si accende crea dei canestri fondamentali, 6/17 al tiro ma mette la tripla che chiude la partita.

MANNION 5: continua a far fatica a coinvolgere i compagni, Pozzecco gli fa guardare tanto la partita dalla panchina.

MELLI 7,5: dopo l’inguardabile prestazione contro l’Ucraina, Nik si riscatta con prepotenza, giocando un inizio e fine di partita capolavoro sui due lati del campo; si prende ben 17 tiri, ma tutti di voglia e carattere.

PAJOLA 7: finalmente si vede il Pajola che ha incantato in maglia Virtus, mette la museruola a Smith e Bogdanovic (nel finale), lotta su ogni pallone, segna anche 8 punti. Pozzecco gli da fiducia e lui lo ripaga con quello che gli si chiede.

POLONARA 6,5: non si capisce perchè rimane seduto nel quarto periodo, gioca un’ottima partita, è uno dei migliori del primo tempo, cala nel terzo quarto e non rientra più.

RICCI 5,5: spesso in ritardo nelle rotazioni difensive, il continuo giocare fuori ruolo lo mette chiaramente in difficoltà. Segna due bombe in momenti delicati.

SPISSU 6: il fisico è sempre quello, fa quel che può e smazza ben 6 assist, si prende poche responsabilità ma è ordinato.

TONUT 6,5: Solo 4/10 al tiro ma spesso si prende iniziative in penetrazione per sbloccare l’attacco a volte sterile degli azzurri, gran lavoro in difesa.

Coach POZZECCO 6: finalmente allarga le rotazioni, una scelta tanto ovvia quanto scontata che ovviamente si rivela decisiva, è il solito trascinatore emozionale ma in alcuni dettagli della partita dimostra ancora avere delle lacune tecniche e di presenza mentale, sopperite dall’esperienza dei suoi giocatori. L’Italia batte la Croazia, e solamente questo basta per ottenere una sufficienza, se stasera festeggiamo è comunque anche merito suo.

 

CROAZIA

Bogdanovic 8, Hezonja 4.5, Matkovic 6, Mavra 6, Saric 5.5, Simon 5, Smith 6, Zubac 6.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.