EuroBasket 2022

Italia – Serbia, le pagelle: Spissu gioca la partita della vita, Melli, Fontecchio e Polonara eroici, annientato un super Jokic!

Eurobasket 2022 Home Nazionali

L’Italia pesca dal cilindro la vittoria più bella degli ultimi anni, riuscendo a ribaltare completamente il pronostico sconfiggendo la favoritissima Serbia e compiendo l’upset più grande di questo Eurobasket finora: di seguito le pagelle del match:

BILIGHA sv

DATOME 6: 6 punti fondamentali nel primo tempo, in difesa regge benissimo, ineccepibile nei 14′ in cui è in campo.

FONTECCHIO 8: è costante nelle sue meraviglie, ormai è nell’olimpo di questo Eurobasket insieme a Giannis, Luka e gli altri. 19 punti con la mano in faccia, il canestro con fallo nel finale è un’opera d’arte da esporre in tutti i musei.

MANNION 5,5: unica nota stonata nei giocatori della serata, ma possiamo anche dire che va bene così per com’è andata.

MELLI 8,5: il piano partita azzurro passa chiaramente dalle mani di Nik, chiamato a tirare tutto ciò che gli passa dalle mani per stancare Jokic e allontanarlo dal canestro: il nostro 9 risponde con 21 punti (7/18 al tiro), 6 rimbalzi, 4 assist e 2 rubate. Ecco, tutto ciò è NULLA confrontato al suo lavoro difensivo, un clinic su interni ed esterni, un monumento.

PAJOLA 6,5: se facesse anche canestro sarebbe in NBA da 10 anni, guida la difesa sul perimetro con molte giocate intense e soprattutto non perde nemmeno un pallone in ben 23′ da playmaker.

POLONARA 8: 16 punti e 8 rimbalzi, una costante minaccia dal perimetro, quando siamo in difficoltà raramente tradisce, ha acquisito una mentalità da top giocatore europeo.

RICCI 6: 5 falli in 9 minuti, fa ciò che può contro gli enormi lunghi serbi.

SPISSU 9: il playmaker sardo gioca la miglior partita della sua carriera, entra in una clamorosa trance agonistica tra il terzo ed il quarto periodo, quando i serbi soccombono sotto i suoi tiri da 3. Chiude con 22 punti e 6 assist, in una serata che ricorderà per tutta la vita spicca anche lo sfondamento subito negli ultimi possessi della gara.

TONUT 5,5: scompare un pochino quando si alza la fisicità della gara, infila due canestri difficili e importanti ma niente più.

Coach POZZECCO 5,5: ha il merito di preparare bene la partita e i suoi lo eseguono a meraviglia, la passionalità e sicuramente contagiosa, ma lasciare la squadra senza la prima guida tecnica è un errore imperdonabile e da principiante, soprattutto in un momento della gara con il punteggio ancora in equilibrio. Mezzo punto in più perchè la squadra ha vinto.

 

SERBIA: Guduric 4.5, Jagodic-Kuridza 6, Jaramaz 5, Jokic 8, Kalinic 6, Lucic 5, Marinkovic 6.5, Micic 6, Milutinov 4.5, Pesic 5.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.