petrucelli italia

Italia-Slovenia, le pagelle: Doncic e Dragic danno spettacolo all’Allianz Dome, azzurri da rivedere

Home Nazionali News

All’Allianz Dome di Trieste andava in scena il match amichevole in cui la nostra Italia, che registrava l’esordio in panchina del nuovo coach Gianmarco Pozzecco e tanti volti nuovi, affrontava la Slovenia, campione d’Europa in carica e guidata dalla stella NBA Luka Doncic. Alla fine a spuntarla sono stati proprio gli ospiti per 90-71.

Di seguito le pagelle del match.

ITALIA

Della Valle 6: il capitano azzurro ci mette grinta e carisma in una gara non facile per i nostri colori, risulta così, alla fine, uno dei piu propositivi.

Spissu 5,5: amministra bene il pallone in regia, ma spesso perde la tramontana e si lascia andare a qualche protesta di troppo che ne pregiudicano la prestazione.

Tonut 5,5: sente l’aria di “casa”e questo gli fa bene, almeno nella prima parte di gara poi si spegne come il resto dei suoi compagni.

Flaccadori 5: partita incolore per la guardia di Trento che non riesce ad esprimersi al meglio delle sue potenzialità in questa gara.

Udom 5: si impegna il giusto ma non basta in una gara in cui dall’altra parte vi era una squadra cinica e determinata.

Lever 6: il giocatore di “casa” dà il suo giusto contributo quando è in campo, senza sfigurare.

Caruso S.V. : si vede poco o niente sul parquet e questo è un valido motivo per non giudicarlo.

Vitali 5: l’esperienza c’è e si vede, ma spesso mancano il controllo e la determinazione per la guardia di Venezia che non gioca la sua miglior gara in azzurro.

Polonara 6,5: carico e propositivo, probabilmente uno dei migliori dei nostri in questa sfida nella quale l’Italia ha provato come poteva a tenere testa alla Slovenia.

Severini 6: buona prova per il ragazzo di Tortona che deve spesso affrontare da solo l’arcigna difesa slovenia.

Okeke 6: entra praticamente solo nell’ultimo quarto ma fa vedere comunque buone cose, grinta e impegno non mancano.

Akele S.V. : pochissimi i minuti in campo sul parquet per poter giudicare la sua prova con un voto.

Woldetensae 6: entra quasi subito a freddo al posto di Petrucelli, ma non sfigura per nulla e si impegna con grande forza, tanto da meritare un voto positivo.

Petrucelli 5,5: l’altro 77 sul quale deve difendere non è proprio un avversario facile ma la guardia di Brescia lo fa egregiamente, almeno fino a quando non si trova carico di falli.

Coach Pozzecco 6: esordio non facile nella “sua” città, carico di emozioni e nostalgia, tra l’altro contro un avversario di grande livello. Dalla squadra si vedono spesso buone indicazioni, ma tante sono anche le cose sicuramente da migliorare. La sufficienza servirà di incoraggiamento .

SLOVENIA

Dragic G. 7,5: talento da vendere che porta punti e carisma in campo, oltre a tanto spettacolo per il pubblico presente.

Rupnik S.V. : mette piede sul parquet meno di 5 minuti in questa gara e quindi non giudicabile.

Nikolic 5,5: forse il “peggiore” dei suoi in questo match dominato dalla sua nazionale, nel quale il play di Burgos non brilla per rendimento.

Muric 7: fa sempre male alla difesa italiana con i suoi centimetri in mezzo all’area e le sue giocate “sporche”.

Tobey 6,5: prestazione solida e di grande umiltà per il ragazzone naturalizzato sloveno, che non fa mancare il suo apporto in termini di punti e difesa.

Blazic 6: gara giocata in modo equlibrato e senza troppe sbavature che lo portano ad una piena sufficienza.

Hrovat 6: nonostante i non troppi minuti in campo porta sostanza e consistenza alla causa della sua squadra giocando una buona gara.

Dimec 6,5: sfrutta il suo fisico è i suoi centimetri sotto  le plance per punire spesso e volentieri la difesa italiana, che non trova mai le giuste contromisure per fermarlo.

Dragic Z. 6: gara di sostanza quella dell’ex Trieste che non brilla ma non sfigura neanche in una partita gestita al meglio dai suoi.

Glas 5,5: non una delle sue prestazioni migliori con la maglia della nazionale ma la grinta non manca.

Macura 6: pochissimi minuti in campo e quindi prestazione non giudicabile.

Cebasek 6: quando mette piede sul parquet non fa mancare il suo contributo in termini di punti e difesa.

Doncic 8,5: indubbiamente vero e proprio faro dei suoi, gioca probabilmente solo al 60% (forse anche meno) delle sue potenzialità ma il suo contributo rimane comunque fondamentale. Spettacolo, genialità e punti al servizio dei compagni.

Coach Sekulic 7,5: non è facile gestire una squadra cosi talentuosa ma l’ex assistant coach di Kokoskov ci sa indubbiamente fare e i risultati si vedono.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.