biella

La Pallacanestro Biella non si iscriverà al campionato di Serie A2

Home Serie A2 News

Nonostante gli sforzi, la Pallacanestro Biella non ce l’ha fatta. Con un comunicato, poco fa il club piemontese ha annunciato che non si iscriverà al prossimo campionato di Serie A2. “Premettendo che nessuno è esente da colpe, ci permettiamo però di sottolineare che coloro che al momento sono costretti a comunicare la temporanea cessazione dell’attività di Pall. Biella, sono coloro che negli ultimi anni hanno profuso maggiori sforzi economici ed operativi per la causa” si legge nel comunicato pubblicato sui social.

Al momento non si conosce il futuro di Biella, se ripartirà e da che serie. Quel che è certo è che il basket italiano perde, almeno momentaneamente, una delle piazze più romantiche della Serie A degli anni 2000. Il club piemontese ha visto passare tra le proprie fila diversi giocatori diventati poi protagonisti in Europa, come Pietro Aradori, Matteo Soragna, Fabio Di Bella, Corey Brewer, Troy Bell, Jonas Jerebko, James Gist, Jacob Pullen, Edgar Sosa e Mike Hall.

Dal 2001 al 2013 Biella ha sempre militato in Serie A, arrivando in semifinale contro Milano nel 2009 (serie persa 3-1) e in EuroCup nella stagione 2009-10.

Con estrema tristezza Pallacanestro Biella comunica ai propri sostenitori che non prenderà parte al campionato di serie A2 nazionale 2022/2023.

Purtroppo, dopo anni di sforzi finanziari da parte della compagine sociale e veri e propri miracoli dello staff sportivo, si è giunti alla triste consapevolezza da parte del gruppo societario di non possedere le potenzialità economiche e organizzative necessarie per far fronte ad una ulteriore stagione sportiva.

A ciò si aggiunge la recente riforma dei campionati che porterà nella stagione 22/23 e 23/24 ben 12 retrocessioni dalla Serie A2, una profonda riorganizzazione della Serie B nazionale ed una riforma del lavoro sportivo che porterà ad una revisione integrale del trattamento fiscale e previdenziale dei collaboratori sportivi comportando un ulteriore innalzamento dell’impegno economico per una gestione “dignitosa” che l’attuale compagine societaria, da sola, non è più in grado di sostenere.

Dopo anni e stagioni nelle quali, a fronte di una risposta economica del territorio “modesta”, i soci di Pallacanestro Biella si son fatti carico di coprire personalmente i buchi di un budget sempre più deficitario per una Serie A2, i nuovi scenari – non certamente rosei dal punto di vista economico – rendono ormai impossibile la prosecuzione dell’attività a fronte dell’assoluta volontà, come avvenuto con correttezza e serietà nella decennale storia di Pallacanestro Biella, di far fronte puntualmente agli impegni assunti con i propri collaboratori che tanto attaccamento hanno dimostrato negli anni per i nostri colori.

La compagine societaria, solo nell’ultima stagione, ha messo in atto ed ha risposto positivamente quasi all’unanimità ad operazioni di ricapitalizzazione per oltre 170.000 euro (che porta l’esborso solo per gli anni di Serie A2 ad oltre 2.000.000€ in conto capitale) che consentiranno in questi giorni di regolare i rapporti con collaboratori e fornitori sino al 30.06.2022 e di versare la prima rata federale per la riaffiliazione 2022/2023. Ciò consentirà a Pallacanestro Biella di non “sparire”, mantenendo il tesseramento di tutti i propri atleti Under 21 (proseguendo quindi nell’attività giovanile) ed i parametri federali che ogni anno vengono erogati per le decine e decine di atleti che il nostro settore giovanile ha formato in quasi 3 decenni.

Con le risorse derivanti da questi parametri, cui auspichiamo si possano aggiungere i ricavati della cessione del titolo sportivo di Serie A2 e la definizione di alcune ulteriori posizioni creditorie, la compagine societaria sarà chiamata ad un ulteriore sforzo che speriamo potrà consentire la sistemazione delle posizioni pregresse che permetteranno a Pallacanestro Biella di poter tornare a pianificare correttamente un futuro più roseo con la speranza che, dal territorio, possano giungere quegli stimoli e quegli aiuti che purtroppo non sono arrivati in questi anni.

Comprendiamo certamente che una tale, drastica e sofferta decisione possa lasciare i tanti sostenitori Rossoblù -spinti dalla passione, dall’affetto ed ora dalla rabbia- a non comprendere le ragioni e le motivazioni di tale scelta e siamo perfettamente consapevoli che questa possa generare un senso di profondo scoramento e di ira contro quanti vengano individuati quali “colpevoli” di questa dolorosa situazione.

Premettendo che nessuno è esente da colpe, ci permettiamo però di sottolineare che coloro che al momento sono costretti a comunicare la temporanea cessazione dell’attività di Pall. Biella, sono coloro che negli ultimi anni hanno profuso maggiori sforzi economici ed operativi per la causa.

Da domani inizia una nuova era per Pallacanestro Biella in cui si cercherà, con le giuste tempistiche, di progettare un futuro sostenibile dalla prima squadra al minibasket, in cui si cercheranno nuove forze fresche e nuove idee da mettere in campo ed in cui si cercheranno di risanare nel più breve tempo possibile tutte le criticità personali e finanziarie che hanno complicato il percorso e la crescita della nostra società negli ultimi anni.

Nessuno di noi avrebbe mai voluto scrivere tale comunicato, ma come abbiamo cercato di esprimere in queste poche righe, la tempesta perfetta si è abbattuta su un’imbarcazione purtroppo già di per sé poco solida.

Cercheremo di passare un po’ di tempo in acque tranquille con le vele ammainate per poter sperare di ripartire più solidi e sicuri di prima cercando di coinvolgere maggiormente tutti gli appassionati di questo splendido sport, rispetto quanto fatto fino ad ora.

Un doveroso ringraziamento va a quanti in questi anni hanno creduto e supportato la società primi fra tutti i numerosi sponsor piccoli e grandi ed a tutti i sostenitori che ci hanno accompagnato in questi 28 anni di sport.

1 thought on “La Pallacanestro Biella non si iscriverà al campionato di Serie A2

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.