micic efes

L’Efes cancella la delusione di 2 anni fa, batte il Barcellona e vince l’Eurolega

Coppe Europee Eurolega Home

FC BARCELONA 81-86 ANADOLU EFES ISTANBUL

(22-15, 14-24, 22-26, 23-21)

L’Efes certifica il dominio degli ultimi due anni di Eurolega con la vittoria ai danni del Barcellona, autore di una stagione incredibile macchiata solo con questa sconfitta in finale. Dopo le difficoltà iniziali Micic (25 punti e 50 totali nelle due partite finali), votato MVP anche delle Final Four, e Larkin (21 con 12/12 ai liberi) guidano la squadra di Ataman alla vittoria. Al Barca non bastano Davies (17 con 11 rimbalzi), Kuric e sopratutto Higgins (23 punti e le giocate decisive per la rimonta)

La tensione e l’intensità sono palpabili fin dai primi possessi, durante i quali entrambe le squadre si appoggiano molto più all’interno dell’area che alle soluzioni da tre. A beneficiarne sono Davies (che segna 10 punti nei primi minuti, 8 in più di quelli segnati in tutta la partita contro Milano) e Sanli. Dopo un tecnico a testa preso da coach Jasikevicius e coach Ataman, Higgins segna la prima tripla della partita a cui seguono 5 punti consecutivi di Kuric che lanciano il Barca, tentacolare in difesa, sul +7 a fine primo quarto (22-15).

Bolmaro regala ai suoi il massimo vantaggio sul +10, frutto anche delle difficoltà di Micic e Larkin (3 perse a testa) ma dopo il timeout di Ataman esce un altro Efes, abile a rimbalzo offensivo e preciso nel cercare tanti viaggi in lunetta, soprattutto con Larkin (9/9 a fine secondo quarto). La prima tripla turca della sfida è di Pleiss che riavvicina i suoi a un solo possesso di distanza ma l’attacco del Barcellona è totalmente inceppato, a fronte della crescita di intensità della difesa dell’Efes che riesce così a completare la rimonta con un parziale di 23-6, chiuso dalla tripla di Kuric. Altri falli e di conseguenza tiri liberi mandano le squadre al riposo lungo sul 36-39 per l’Efes.

Dopo un canestro su rimbalzo in attacco di Dunston (con Sanli in panchina per tre falli), Higgins riavvicina il Barcellona con un tiro da tre ma poi Micic prende fuoco e l’MVP segna 9 punti in un amen e seguito dai primi canestri dal campo di Larkin provoca la prima vera spallata dell’Efes (+11). Solo Kuric e soprattutto Higgins (4/4 da tre) trovano il canestro con continuità per i blaugrana ma, nonostante i tantissimi falli con conseguenti viaggi in lunetta agevolino i turchi, una tripla di Mirotic tiene ancora vivo il Barca che inizia il quarto quarto sotto di 7 (58-65).

L’intensità cresce ancora, il Barcellona arriva a un solo possesso di svantaggio ma le fiammate di Larkin tengono ancora avanti l’Efes. Tripla di Davies per il -2 e poi l’ex Zalgiris trova Mirotic, molto attivo a cavallo degli ultimi due quarti, per il pareggio a quota 69. Le difese giocano al loro meglio ma il talento dei singoli ha la meglio: tripla di Micic, giochi da tre punti di Higgins e Larkin. Davies e Singleton segnano altri due canestri ma l’Efes é più lucido ed efficace nel finale e arriva, grazie ad altri due canestri di Micic, a +5 con un solo minuto da giocare. 2/2 di Larkin ai liberi, Davies segna ancora ma ormai il cronometro è a favore dell’Efes. Micic fa 1/2, dall’altra parte Kuric subisce fallo da tre e riporta a -3 il Barca. Ancora Micic ai liberi che stavolta non trema e l’Efes riesce a vincere questa splendida edizione dell’Eurolega.

Barcellona: Davies 17, Hanga, Bolmaro 7, Smits, Gasol 1, Oriola NE, Abrines 2, Higgins 23, Kuric 18, Claver 2, Mirotic 11, Calathes.

Efes: Larkin 21, Beaubois 3, Singleton 4, Balbay, Sanli 12, Moerman 6, Tuncer NE, Pleiss 5, Micic 25, Anderson, Dunston 6, Simon 4.

 

fonte foto: euroleague.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.