sodini

Marco Sodini festeggia la vittoria in Gara-3 e bacchetta chi lo provocava sulla guerra in Ucraina

Home Serie A2 News

Marco Sodini si è presentato molto carico e sereno in conferenza stampa, dopo la vittoria della sua Cantù in Gara-3 contro Scafati. Il successo brianzolo, arrivato con un grande parziale nel quarto quarto, ha riaperto una serie che era sul 2-0 per i gialloblu dopo le due partite in Campania. Ma Sodini, oltre a celebrare i propri giocatori per la buona prestazione, ha anche bacchettato qualche tifoso che nei giorni scorsi aveva utilizzato la guerra in Ucraina per criticarlo.

Da settimane, ormai mesi, Sodini posta frequentemente sui suoi social dei messaggi di pace. Il tema del conflitto in Ucraina è particolarmente caro al coach di Cantù, la cui moglie è ucraina. Marco Sodini ha voluto essere chiaro: provocazioni di questo tipo, che alludono al fatto che “pensi troppo alla guerra e non alla serie di finale”, non saranno tollerate.

A chi volesse commentare sui miei social, che io utilizzo per ri-postare cose ma parlo anche della guerra in Ucraina perché mia moglie è ucraina: per cortesia, che non usi quei post per prendermi in giro sulle partite di pallacanestro e per parlare dei giocatori. Usino tutto quello che vogliono, perché sono sempre aperto e rispetto ogni opinione. Ma se scrivo “No alla guerra in Ucraina, pace”, lì sotto ci deve essere un limite da non sorpassare. E su questa cosa ci tengo che sappiate che la penso così. Perché io sono concentrato su una partita di basket, ma c’è della gente che muore. Ho il c**o di vivere in un posto dove posso pensare alla pallacanestro. Almeno il rispetto di questo lo pretendo, perché io lo dò a tutti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.