NBA Numb3rs: Harden ferma Lillard, i Celtics continuano a rimontare e vincere contro le contender

Home NBA News

Il rush finale della regular season NBA 2017/18 è entrato nel vivo ed in ottica playoff pesano particolarmente le 4 sconfitte consecutive subite dai Los Angeles Clippers che ora occupano il decimo posto a 2.5 W dai Jazz, soprattutto se contrapposte alle 4 vittorie dei San Antonio Spurs, tutt’altro che sicuri della qualificazione ma decisamente più ottimisti rispetto ad una decina di giorni fa. La squadra del momento, i Portland Trail Blazers, hanno appena fermato la loro striscia positiva a quota 13 a causa dei Rockets e di James Harden, sempre più MVP della stagione. 

33. Nuova settimana, stesso argomento di partenza: LeBron James e le triple doppie. 40 punti, 12 rimbalzi e 10 assist contro i Bucks fanno di LBJ il secondo più anziano nella storia NBA a realizzare una tripla doppia con almeno 40 punti di media. Solo Wilt Chamberlain ci è riuscito a 33 o più anni. Inoltre per la 15esima stagione consecutiva, ossia tutte quelle tra i pro, LeBron James ha segnato oltre 300 punti dalla lunetta. Solo Karl Malone (16) ha fatto di meglio.

13. Nella notte, James Harden e i suoi sono riusciti a compiere l’ennesima impresa della loro stagione: fermare i Portland Trail Blazers dopo 13 vittorie consecutive. Durante il mese abbondante di imbattibilità, Damian Lillard ha collezionato giocate e prestazioni da capogiro: in questo periodo solo Anthony Davis ha segnato più dei suoi 32.4 punti, ma nessuno è riuscito a far meglio di Dame in quanto a triple segnate (4.4 a partita), True Shooting % (63.4) e Plus/Minus totale (+119). I Rockets sono riusciti ad annullare CJ McCollum (8 punti e 4/15 dal campo) e a limitare fortemente Damian Lillard, autore di 20 punti ma con 0/7 da 3 e 12 tiri sbagliati, stravincendo il duello tra guardie (Harden e Paul hanno segnato 64 punti totali con 10/17 da tre).

149. Dopo due overtime ed una sfida mozzafiato, due notti fa, i Denver Nuggets si sono arresi di fronte ai Miami Heat e ad i loro 149 punti segnati.Il miglior realizzatore in maglia Heat è stato James Johnson (31), seguito dai 30 di Olynyk, dai 23 di Ellington e i 20 di Dragic. I 149 punti segnati sono il massimo di sempre nella storia dei Miami Heat.

6. Continuano a piovere record, oltre che triple, per gli Splash Brothers. Klay Thompson e Stephen Curry hanno entrambi superato quota 200 triple segnate per la sesta stagione consecutiva.

884-0. Durante questa stagione, nelle 884 partite in cui una squadra è stata in vantaggio di almeno 5 punti a 20 secondi dalla fine, tale squadra ha sempre vinto. Fino a stasera. In un rocambolesco finale, i Boston Celtics sono riusciti a chiudere l’ennesima rimonta stagionale ai danni di OKC, nonostante le numerosissime assenze. Il match lo ha vinto Marcus Morris segnando la tripla decisiva sulla sirena, grazie anche ad un pesante 1/4 dalla lunetta dei Thunder nei secondi finali. Non succedeva da 4 anni che una squadra riuscisse a recuperare negli ultimi 25 secondi uno svantaggio di oltre 6 punti.

4-0. Sembrerà un caso ma non lo è, i Boston Celtics ci hanno ormai abituato a delle rimonte insperate. Quella con OKC non è altro che l’ultima di una lunga serie. Nei 4 match giocati in casa contro le 4 migliori squadre ad Ovest (Rockets, Warriors, Trail Blazers, OKC) i Celtics hanno sempre vinto recuperando almeno 10 punti di svantaggio.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.