Nedovic-James-Micov: Milano espugna il Pireo con un secondo tempo perfetto

Coppe Europee Eurolega Home

OLYMPIACOS – AX ARMANI MILANO 75-99

(26-24; 15-20; 22-29; 12-26)

 

Dopo la prima, vittoriosa, trasferta in Montenegro contro il Buducnost, l’Olimpia approda al Pireo per affrontare i biancorossi dell’Olympiacos.
L’avvio di partita è dominato dal centro dei padroni di casa: Milutinov fa il vuoto nelle due aree e Milano si affida alle iniziative individuali di Micov; il sorpasso dell’Olimpia arriva in un flash: tripla del caldissimo Micov (13 dei primi

18 punti di squadra sono suoi), recupero difensivo e transizione chiusa con un assist in mezzo alle gambe di James per la schiacciata di Gudaitis. Il primo quarto si conclude con i greci che riescono a muovere continuamente il tabellone grazie ai rimbalzi offensivi. ma Milano rimane a contatto.

5 punti filati di Kuzminskas aprono il secondo parziale, in cui le due squadre non riescono a trovare il ritmo giusto in attacco: l’assenza di Strelnieks obbliga coach Blatt a tenere in campo per tanti minuti Spanoulis, mentre Pianigiani ruota tutto il suo roster (a parte Cinciarini e Burns) e trova punti da tutti, compreso Della Valle; il problema principale di Milano è, però, la difesa: sono troppi i punti facili concessi ai greci: sul finire del tempo l’Olimpia sale d’intensità difensiva ed offensiva e trova un paio di canestri di James, Micov sbaglia la comoda tripla sulla sirena ed i primi 20′ si concludono sul 41-44 per i campioni d’Italia.

L’inizio di secondo tempo è tutto dei padroni di casa, mentre Milano non trova la via del canestro se non con un jumper di Nedovic dopo 3′: l’Olympiacos si appoggia continuamente al post basso di Timma o di Printezis, che trovano sempre ottime soluzioni per sè o per i compagni. Milano è solo Nedovic, mentre i greci hanno un Milutinov dominante sui due lati del campo: i due si scambiano canestri a ripetizione fino a che Milano non decide di cambiare marcia in difesa, Nedovic e Brooks accelerano in contropiede e l’Olimpia trova il massimo vantaggio sul +12 grazie ad una tripla di Jerrells (59-71), il buzzer beater di Vezenkov fissa il -10 con cui si conclude il terzo periodo.

Dopo 2′ di gioco nel quarto periodo, l’Olympiacos è già a 4 falli di squadra e Milano ne approfitta trovando soluzioni dal tiro libero: un Micov da antologia infila la tripla del +14 con 7′ da giocare e Milano sembra aver preso in mano la partita. E’ la difesa di Milano a farla da padrona, di conseguenza arrivano i punti dall’altra parte con facili canestri per Nedovic e Micov: la tripla di James per il +22 a 3:15 dalla fine chiude definitivamente i conti, con Milano che porta a casa una bellissima vittoria su, forse, il campo più difficile dell’intera Eurolega. Gli ultimi possessi sono solo per le statistiche (e per uno sguardo provocatorio di James al pubblico): l’Olimpia ottiene 2 punti fondamentali, più per il morale che per la classifica.

Olympiacos: Williams-Goss 4, Toliopoulos ne, Toupane 2, Spanoulis 3, Timma 4, Milutinov 15, Vezenkov 12, Printezis 13, Papanikolau 2, Mantzaris 12, Bogris ne, Leday 8.

Milano: Della Valle 3, James 22, Micov 19, Gudaitis 11, Bertans 5, Tarczewski 4, Nedovic 20, Kuzminskas 6, Cinciarini ne, Burns ne, Brooks 2, Jerrells 7.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.