Nel recupero della 13^, Torino batte una Verona dura a morire

Serie A2 Recap

REALE MUTUA BASKET TORINO – TEZENIS SCALIGERA VERONA 91-82

(26-18, 26-21, 17-17, 22-26)

Al PalaGianniAsti va in scena il recupero della 13^ giornata tra la Reale Mutua Torino e la Tezenis Verona. I piemontesi, che ad un avvio di stagione non particolarmente brillante hanno dovuto aggiungere più di due settimane di stop per via del covid-19, arrivano al match dopo la sconfitta interna con Biella di pochi giorni fa. Verona, invece, grazie alla vittoria sull’Urania Milano è salita a quota 12 punti in classifica e ha già messo nel mirino un’altra vittoria per consolidare la propria posizione.

Diop apre l’incontro con un canestro tutto di fisico nel pitturato contro Jones, ma è Severini a prendersi la scena in avvio con due triple che lanciano avanti Verona. Torino prova a rendere più fluida la propria manovra offensiva e con due ottime giocate di Cappelletti e Clark si riporta avanti sul 13-11. Jones subisce fallo sotto canestro e dalla lunetta completa il gioco da tre punti, Clark e Greene si sfidano in velocità portando il punteggio sul 19-14 per i padroni di casa. Verona fatica ad andare a bersaglio nonostante le conclusioni ravvicinate di Pini, Bushati tira fuori dal cilindro una tripla costruita in solitaria e, sulla sirena Severini infila il piazzato del 26-18.
Caroti apre la seconda frazione con la tripla del -5, ma Clark è pronto a ricacciare indietro gli ospiti con altri due punti. Diop, ben liberato dalla circolazione di palla torinese, chiude in schiacciata il taglio dentro il pitturato, e l’azione successiva subisce l’antisportivo di Janelidze che gli permette di timbrare il 32-21. Severini si conferma un cecchino e dall’angolo segna un’altra tripla che tiene in vita Verona, Campani commette il suo terzo fallo ed è costretto alla panchina, mentre anche Jones trova il bersaglio da dietro la linea dei tre punti e costringe coach Cavina al timeout sul 36-28. La Reale Mutua esce bene dal minuto di sospensione e trova la tripla con Toscano, Colussa risponde dalla media ma è ancora l’ottima circolazione di palla torinese, favorita da una difesa veneta piuttosto passiva, a liberare Pinkins per altri 3pt. Un 2/2 di Candussi dalla lunetta riporta il gap a 10 lunghezze esatte e Greene accorcia sul 44-35, con Torino che accusa leggermente il colpo perdendo diversi palloni in attacco. Il rientro sul parquet di Diop restituisce un po’ di certezze ai piemontesi che con la fantasia di Clark si riportano avanti. Verona non accenna ad arrendersi e grazie a Greene e ad una maggiore aggressività in difesa rimane aggrappata al match. Candussi e Pinkins sono protagonisti nel pitturato e i liberi di Clark mandano le squadre negli spogliatoi sul 52-39.

Dopo un minuto e mezzo dal rientro in campo dagli spogliatoi, Diop sblocca il punteggio con la tripla del +16. La Tezenis alza il ritmo in difesa costringendo Torino addirittura ad un’infrazione di 5’’ e va a bersaglio in attacco (ancora con Severini da dietro l’arco), tornando a -8. Nello scontro tutto fisico tra Toscano e Jones ha la meglio l’italiano, che costringe il lungo USA all’infrazione di passi. La panchina di Torino protesta per un fallo fischiato a Pinkins sulla tripla di tabella firmata Jones ma l’americano fallisce il libero supplementare e non concretizza il gioco da 4pt, lasciando Verona a -7. La partita si accende e di conseguenza i toni si alzano, con anche la panchina veneta che non condivide il fischio della terna arbitrale contro Severini, dal quale scaturisce l’1/2 di Clark e il successivo rimbalzo offensivo di Diop conclusosi con un 2+1 (64-53). La Tezenis non sfrutta i momenti di blackout torinese, come la sanguinosissima palla persa di Penna conclusasi con un lay-up in contropiede sbagliato da Caroti, e rimane sopra la doppia cifra di svantaggio. A dieci minuti dal termine il tabellone indica 69-56.
Verona comincia l’ultima frazione con un’ottima difesa che costringe Torino ai 24’’ e una seconda che forza i passi di Diop. Candussi tiene la Scaligera a -10, Bushati spara la tripla del 74-61 e il tentativo di penetrazione di Greene si spegne nel traffico della difesa torinese. Torino fa circolare bene il pallone e pesca Toscano che da dietro l’arco infila il nuovo +13. Jones restituisce subito il favore e firma un parziale di 5-0 per i veneti che costringe coach Cavina al timeout sul +8. Le parole del coach torinese hanno effetto e la Reale Mutua torna in campo decisa a chiudere la pratica (tripla di Diop per il +12) ma la Tezenis è dura a morire e si riporta a -10 con due liberi di Tomassini. La palla persa dalla Scaligera nella propria metà capo regala a Pinkins la schiacciata del 83-71 e un’altra persa di Penna frutta due tiri da tre aperti a Verona che però non è precisa e non sfrutta l’occasione. Anche Clark manca il controllo della palla e sul ribaltamento di lato Tomassini sbaglia un’altra conclusione dalla lunga distanza. Diop corregge al volo un tiro sbagliato da Campani e ad un minuto e 40 dalla fine Torino ristabilisce il +10. Sull’azione successiva è ancora Diop a lanciare a tutto campo per Bushati che da solo appoggia l’87-77 e costringe coach Diana al timeout. Caroti infila la tripla del -7, Torino continua a sbattere sulla pressione a tutto campo proposta da Verona ma ormai è tardi e la Reale Mutua si aggiudica la vittoria per 91-82.

 

TABELLINI

Reale Mutua Torino: Clark 17, Alibegovic ne, Pagani 2, Penna 2, Cappelletti 8, Campani 4, Pinkins 13, Toscano 9, Origlia ne, Ferro ne, Diop 26, Bushati 10. All. Cavina

Tezenis Scaligera Verona: Greene 15, Caroti 10, Colussa 2, Guglielmi ne, Calvi ne, Tomassini 4, Candussi 17, Jones 17, Pini, Severini 17, Janelidze. All. Diana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.