hackett

CSKA Mosca – Efes, le pagelle: Clyburn stoico, ottimo Hackett, Micic MVP

Coppe Europee Eurolega Home

L’Efes è la prima finalista dell’edizione 2020/21 delle Final Four di Eurolega. La squadra di Ataman va sopra di 20 punti nel corso dei primi 25 minuti, ma dal blackout out generale della squadra turca si generano le speranze di un CSKA trascinato in ogni istante da Will Clyburn. Non basta però lo sforzo dell’americano.

 

CSKA MOSCA

Hackett 6.5: tra Micic, Beaubois e Larkin a turno in difesa c’è poco da fare. Serata complicata, ma accesa nel finale con due palle rubate che scrivono -5 nell’ultimo quarto e uno sfondamento importante preso da Micic. È lui che guida la rimonta del CSKA che per poco non si compie. Uno dei più positivi tra i rossoblu.

Hilliard 4.5: 17 minuti e spiccioli, insipidi, per Darrun.

Kurbanov 5: 16 minuti in campo, poca produzione da parte del capitano di Itoudis

Shengelia 5: sfiora la doppia doppia con 10 punti e 7 rimbalzi in 24 minuti, ma siede in panchina nella parte più importante della partita

Clyburn 7: l’ala del Cska cerca di alzare il ritmo per mettere in difficoltà la difesa avversaria, ma i compagni non lo seguono nel primo tempo. Un momento di blackout e poi si riaccende nel secondo dando entusiasmo ad una squadra che sembrava fuori dai giochi a 12 minuti dalla fine. Nel finale ha anche un paio di occasioni per mettere il tiro della vittoria un paio, ma il primo ferro si oppone. 26 punti, con 9/9 da due, alla fine dei 36 minuti di gioco.

Lundberg 5.5: pochissimi passi sul campo nel primo tempo, poi Itoudis prova a dare nuove energie al proprio quintetto mettendo in campo anche Iffe i cui polpastrelli producono punti importantissimi per arrivare anche al -10 di inizio quarto quarto. Nota negativa per il danese: 5 falli in meno di 14 minuti.

Voigtmann 5: 33 minuti in cui cerca di essere incisivo in difesa più che in attacco. All’apice della rimonta russa, è fondamentale da questo lato del campo, ma non basta

Ukhov 5: preciso e cinico, contribuisce con 8 punti (2/3 da tre punti) per la rimonta della squadra

Eric s.v.

Antonov s.v.

Strelnieks s.v.

 

EFES ISTANBUL

Micic 8: prestazione che tranquillamente si può riassumere con tre lettere: MVP, quello della partita che apre le F4, l’estensione del titolo vinto in regular season. Un vero e proprio rebus per la difesa dei russi: 25 punti e 6 assist, ma macchia la propria partita eliminandosi dalla gara commettendo il quinto fallo all’inizio del quarto periodo.

Beaubois 7: dentro l’area c’è chi fa il proprio lavoro, da fuori ci pensa il francese a colpire con molta precisione (3/4) aiutando l’Efes a costruire il +20 della metà del terzo quarto e facendo un egregio lavoro da sesto uomo. Tre canestri vitali nel quarto quarto tengono salvo l’Efes impedendo al Cska di scavalcare.

Simon 6: lavora sulla sfondo garantendo una prestazione solida fatta di 10 punti e 5 rimbalzi

Singleton 5: poco, se non nulla, da evidenziare per l’ala di Ataman. In partita non ci entra mai, non al top della condizione.

Dunston 6: una decina di minuti per il miglior stoppatore All-Time di Eurolega. In campo ci sta un accesissimo Sanli, Bryant riposa per la finalissima, ma Ataman gli chiede un piccolo straordinario quando l’Efes necessita energia ed esperienza per far fronte alla rimonta del Cska.

Sanli 7: incontenibile in attacco, dove sfrutta una difesa davvero disattenta per l’occasione dei russi, e dall’altra parte del campo stoppa mezza squadra avversaria. Un fattore, con 19 punti, 8 rimbalzi e 3 stoppate.

Larkin 6: un paio di scatti fulminei verso il ferro nella prima metà di gara, poi scuote la testa in panchina in un secondo tempo sottotono. Poco per un giocatore come lui che rischia anche di compromettere il risultato sbagliando 2 dei 4 liberi finali in una partita a dir poco problematica.

Moerman 6: fa il lavoro sporco con senso del dovere, 6 punti in 11 minuti

Anderson s.v.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.