Pat Beverley multato anche per la birra: la Bud Light ha un’idea geniale

Home NBA News

Patrick Beverley è stato l’assoluto protagonista del Play-in contro i Los Angeles Clippers, nonostante l’MVP della gara sia stato condiviso tra Anthony Edwards e D’Angelo Russell. La point guard, col suo classico stile provocatorio e senza filtri, ha esultato in maniera scomposta sia nelle interviste post-partita, sia in conferenza stampa, sia sui social media. Per questo motivo, per un alto tasso di parolacce e insulti, la NBA lo ha multato di 30.000 dollari. Tra le altre cose, quando gli è stato chiesto cosa avesse detto ai suoi ex compagni dei Clippers dopo la vittoria, Beverley ha risposto: “Take they ass home”, cioè “di portare il loro c**o a casa”.

In conferenza stampa, il playmaker dei T’Wolves si è presentato non con il classico Gatorade, sponsor NBA, ma con una lattina di birra Bud Light. Anche per questo la Lega ha deciso di sanzionarlo. Ma il brand ha colto la palla al balzo e ha elaborato un piano per trasformare questa situazione in un’opportunità. L’account ufficiale di Bud Light ha twittato direttamente a Pat Beverley, promettendogli una lattina personalizzata, con tanto di frase stampata, per Gara-1 contro i Memphis Grizzlies di domenica. L’iniziativa è stata accolta con favore dallo stesso giocatore, quindi aspettiamoci di vedere le lattine personalizzate molto presto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.