Serie A BEKO, 8° Giornata: Milano crolla nell’ultimo quarto, Roma conquista il successo grazie a Baron

Home

virtus_roma_basket_baron-2-1024x682

Olimpia EA7 Milano – Virtus Roma 61-55

(9-19, 22-29, 38-49, 61-55)

Il Monday Night dell’ottava giornata di campionato mette di fronte la Virtus Roma, ancora alla ricerca della continuità, e l’Olimpia Milano, la cui situazione non è poi tanto diversa. Milano fatica sempre in trasferta quest’anno ed è chiamata stasera a smentire i maliziosi. Coach Dalmonte sceglie uno starting five composto da Phil Goss, Alex Righetti, Quinton Hosley, Jordan Taylor e Trevor Mbakwe, coach Banchi risponde proponendo dal primo minuto l’ex di turno: Gani Lawal. Insieme al nigeriano ci sono anche Curtis Jerrells, David Moss, Alessandro Gentile e Nicolò Melli.

I Quarto

Roma comincia bene: dopo la schiacciata sbagliata da Mbakwe, Hosley cattura il rimbalzo offensivo e Goss può colpire da tre punti (3-0). Non si fa attendere la risposta di Milano, che trova il canestro con Lawal, che replica poco dopo per il primo sorpasso dell’EA7 (3-4). Melli dalla lunetta allunga, ma gli ospiti sono subito ripresi da un canestro di Hosley (5-6). Proprio l’ex giocatore dello Zielona Gora è il più positivo dei giallo-rossi in questo avvio, segna a ripetizione e con una schiacciata firma il vantaggio dei suoi (9-8). Moss segna 5 punti consecutivi in una manciata di secondi, Jerrells converte due liberi e Milano vola a +6. Il vantaggio aumenta ulteriormente quando CJ Wallace segna due tiri liberi e Keith Langford, non partito in quintetto, chiude il primo periodo sul 19-9 per Milano.

II Quarto

Bobby Jones e Jimmy Baron accorciano all’inizio del secondo quarto (13-19), Milano non ha però nessuna intenzione di cedere e con la tripla di Jerrells e il canestro di Gentile riconquista la doppia cifra di vantaggio sul 13-24. Langford fa +13 ai liberi, Bobby Jones risponde da dietro l’arco (16-24). Un parziale di 9-0 riporta la Virtus in partita, il canestro di Richetti vale il 22-26, anche se 3 punti finali di CJ Wallace frutto di un canestro e di un libero segnato chiudono la prima metà di gara sul 22-29.

lawallangfordeurolegaad-anteprima-600x400-978744
Gani Lawal, ex della partita, con Langford e Haynes

III Quarto

Come nel primo tempo, anche il secondo è aperto da un canestro di Lawal, stavolta in schiacciata con fallo e tiro libero realizzato (22-32). Goss tiene a galla Roma mentre Moss cerca di affondarla, il giocatore della Virtus segna due canestri prima della tripla di Jerrells che riporta Milano a +11 (26-37). Gentile e Moss portano i bianco-rossi sul 26-41 in quella che sembra poter essere una facile vittoria. A una schiacciata di Hosley risponde allo stesso modo Lawal (28-43), il georgiano e Goss provano a riaprirla e riportano Roma a -10 (34-44). Mbakwe protegge bene il canestro, rifila stoppate (già 3 a questo punto), Baron riporta la Virtus a -8 dalla lunetta, mentre il quarto è chiuso da una tripla di Moss e due liberi segnati a testa da Goss e Langford, che scrivono il 38-49 con cui si giunge all’ultimo periodo.

IV Quarto

La partita è tutt’altro che chiusa: Mbakwe con una schiacciata e Jones dalla lunetta mangiano subito parte del vantaggio di Milano (42-49). Il punteggio si mantiene piuttosto basso, le due squadre non tirano con buone percentuali, soprattutto dalla lunga distanza. Melli prova a dare aria a Milano con un canestro dalla media distanza, ma Goss con due canestri consecutivi accorcia ulteriormente sul 46-51. L’Olimpia non reagisce, Baron segna la seconda tripla della propria partita e fa -2 (49-51), Gentile perde la testa e la palla, la quinta palla persa del suo match, e si vede fischiato un fallo tecnico che manda in lunetta Baron per il 51-51. L’azione successiva è ancora Baron a completare un’incredibile rimonta con un tiro da fuori (54-51). Wallace accorcia, ma Baron è indemoniato e segna di nuovo da tre punti (57-53). Langford riduce il passivo ai liberi, ma Mbakwe risponde con la schiacciata del 59-55. Inizia il valzer dei liberi, sempre Baron ne segna due, Banchi chiama timeout, Langford prova la tripla ma sbaglia, il rimbalzo è di Mbakwe e il match si chiude con il trionfo di Roma (61-55) al termine di una rimonta che sembrava impossibile nel terzo quarto.

Migliore in campo: Jimmy Baron, assoluto protagonista nell’ultimo quarto, chiude con 18 punti di cui 13 nell’ultima frazione, frutto di 4/8 da tre punti e 6/6 ai liberi.

Peggiore in campo: Alessandro Gentile, da capitano non può permettersi una leggerezza come il tecnico ricevuto nell’ultimo quarto che apre le porte al sorpasso di Roma, per lui solo 4 punti e 5 assist, in più 5 palle perse.

Virtus Roma: Goss 17, Righetti 2, D’Ercole, Hosley 11, Baron 18, Jones 7, Reali NE, Tonolli NE, Taylor, Eziukwu, Mbakwe 6, Moraschini.

Olimpia Ea7 Milano: Jerrells 10, Moss 12, Langford 8, Gentile 4, Lawal 10, Wallace 7, Melli, Cerella, Tourè NE, Haynes, Gigli.

[banner network=”altervista” size=”300X250″ align=”aligncenter”]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.