Top of the Week Eurolega: il miglior quintetto della settimana e gli MVP dei Round 5 e 6

Coppe Europee Eurolega Home Rubriche

Doppio turno, doppio MVP ma solo un quintetto della settimana in questo Top of the Week Eurolega, il focus dedicato al massimo campionato europeo.
Tra prime vittorie, prime sconfitte e vari “scherzetti” questo finale di Ottobre ha avuto parecchi protagonisti. Non ce ne vorrà l’EuroLega se questa settimana andiamo contro la sua idea di MVP in entrambi i round.

MVP DEL ROUND 5

Alexey Shved ricalca nel migliore dei modi lo spirito combattivo di questo Khimki Mosca, un mix di esperienza sia d’oltreoceano che europea che punta a non essere più la seconda squadra moscovita. Contro il Panathinaikos il russo è tornato a incantare la sua gente, così come era successo nel derby con il CSKA, chiudendo con 26 punti, nati da una media semi immacolata da due (7/8), e 7 assist. I 3 rimbalzi fanno da cornice a una prestazione PIR da 28 punti, la seconda dopo quella registrata da Micic. Shved chiude un mese molto positivo per i suoi, appollaiati al quinto posto e sempre più in rampa di lancio.

MVP DEL ROUND 6

Il primo stop del Barcellona coincide con il primo titolo di MVP targato BasketUniverso del Sergio Rodriguez, grande protagonista nella vittoria della sua Milano contro la prima della classe catalana. Se l’Olimpia è ora in vetta alla classifica non può che essere anche per il canarino, trascinatore con 17 punti e 7 assist e decisivo nello splendido quarto finale da 31 punti. Il PIR di 20 non rende giustizia alla prestazione del Chacho, ma poco male se questo vale la quinta vittoria consecutiva dei meneghini. Meritano certamente una menzione d’onore Larkin e Shenghelia, autori di prestazioni magistrali da 28+3 a. e 19+3 r.

QUINTETTO DELLA SETTIMANA

G: Sergio Rodriguez (AX Armani Exchange Milano):
Il canarino bissa dunque la prestazione di martedì contro l’ALBA Berlino, dove è stato top scorer e tra i migliori insieme al redivivo Luis Scola. 17 punti e 4 rimbalzi in 28 minuti scarse in entrambe le gare, solo il numero di assist è differente (4 e 7). Il cuore è comunque lo stesso, malgrado l’età.

G: Mike James (CSKA Moscow):
L’impatto mensile è stato devastante per lo statunitense e anche nell’ultima prova di Ottobre è stata fondamentale la sua presenza sul lato offensivo. Sconfitta a parte (la prima in RS) , James ha cercato di tenere i suoi in gara con 22 punti, 6 assist e 5 rimbalzi importantissimi ai fini del finale lanciatissimo. Le medie si sono affievolite nel derby russo con lo Zenit, ma la classe del vincitore dell’Alphonso Ford Trophy 18-19 non vengono mai da meno: 16 punti con 4/5 da tre punti e 4 assist nella vittoria di 12 punti che vale di nuovo la testa della classifica. What else?

F: Zach Leday (Zalgiris Kaunas):
Vincitori e vinti anche dalle parti di Kaunas, con lo Zalgiris corsaro a Istanbul dopo la sconfitta casalinga contro lo Zenit di San Pietroburgo. La costante in entrambi i casi è una sola: affidarsi a Zach LeDay, ala che ha sorpreso per rendimento nelle ultime 4 gare disputate dai lituani. Doppia doppia (12-10 r.) nella sconfitta casalinga ma prestazione maiuscola nella vittoria contro Fenerbahce: 5/8 al tiro, 6/7 ai liberi e secondo marcatore dopo Grigionis con 16 punti. PIR bassi in entrambi i casi (rispettivamente 20 e 17) ma poco male, non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore.

C: Usman Garuba (Real Madrid):
New entry di spessore per il classe 2002 che entra nel gotha del basket europeo tutt’altro che in punta di piedi. Nelle due gare contro Bayern Monaco e ALBA Berlino il giovane centro ha chiuso con 12 punti (in entrambi i casi con medie quasi immacolate) e 4 rimbalzi, senza contare il dato sorprendente dei palloni rubati, ben 3 contro i bavaresi nella sconfitta esterna. Aveva sorpreso in campionato, ora sorprende in coppa. Fra qualche mese forse non ci sorprenderemo più.

C: Tornike Shengelia (KIROLBET Baskonia Vitoria-Gasteiz):
L’EuroLega lo ha scelto come MVP di quest’ultimo round in base a un ottimo PIR di 28. La realtà è che il georgiano non ci fa più strabuzzare gli occhi per gare di questo genere: anche nell’ultima settimana va a toccare i 18 punti di media (17 martedì e 19 venerdì), riducendo il numero di rimbalzi ma aumentando quello dei falli subiti (rispettivamente 7 e 8). Prestazioni in crescendo ogni round e zona playoff consolidata al primo mese. Baskonia ha il volto di Tornike Shengelia.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.