Tortona, ottava perla nella collana di vittorie contro Verona

Recap

Chi fermerà la Bertram Tortona? La parafrasi di un noto brano dei Pooh sembra calzare a pennello. Perchè il roster di coach Marco Ramondino, cui questo ennesimo squillo di tromba è stato dedicato dalla società come augurio per affrancarsi al più presto dalla morsa del Covid-19, sembra non avere davvero rivali in grado di fargli lo sgambetto. La Tezenis Verona, sotto dall’alfa all’omega dell’incontro in modo, ha solo potuto contenere a meno sette uno svantaggio che, al termine del terzo quarto, era di ben 25 punti. Ma non vi è stato verso, per la pattuglia di coach Andrea Diana, di evitare la quinta sconfitta di fila per 80-87 che complica terribilmente il cammino degli scaligeri finora accreditati soltanto da uno squillo di tromba casalingo contro la Staff Mantova all’esordio ma nulla di più. Come già nella gara all'”Allianz Cloud” di Milano contro l’Urania, top scorer dei piemontesi è stato Lorenzo Ambrosin che, rispetto ai venti punti messi a segno contro i Wildcats, ha incrementato il bottino di due tacche confermando il suo splendido momento di forma. Sugli scudi anche Mascolo, ancora una volta, discreti anche se non travolgenti Cannon e Severini anch’essi in doppia cifra. Candussi è stato invece colui che ha portato maggiore acqua al mulino degli scaligeri, anche se vanamente.

PRIMO QUARTO – In avvio Verona, priva di Pini e Rosselli,  si fà balenare in testa l’idea di provare a fare lo sgambetto dorato a Tortona  e dopo tre minuti di gioco si porta avanti per 10-6. La Bertram, che ha recuperato per la sfida contro i veneti Riccardo Tavernelli,  fà però capire di non essere lassù in alta quota e in splendida solitudine per volere della buona sorte e, sorretta soprattutto da Ambrosin, risale la china e mette la freccia di sorpasso sul 22-19.  Ambrosin e Gazzotti rifiniscono il punteggio e mandano i padroni di casa al primo miniriposo in vantaggio per 30-22.

SECONDO QUARTO – La Tezenis prova a riscattarsi e l’ex Bcc Treviglio Caroti e Candussi sono i profeti di questo risveglio portando il margine di ritardo dei veronesi a soli tre punti (30-33). La tripla di Fabi porta Tortona a un nuovo decollo, poi però Verona apre il gas e con Severini ribalta la situazione a suo favore conducendo per 44-43. Ambrosin e Mascolo, i due cecchini più ispirati della pattuglia alessandrina, alzano la voce sottoforma di una tripla a testa  prima dell’intervallo lungo e portano il punteggio dei primi venti minuti sul 49-44 a favore del loro roster.

TERZO  QUARTO –   Tortona sfodera un disinvolto 7-0 e costringe Diana a chiamare il timeout per consentire a Verona di ritrovare la bussola della determinazione da cui è stata condotta nei primi due quarti. Il gioco pare funzionare perchè Greene è colui che contribuisce in modo particolare a riportare gli scaligeri a sole quattro lunghezze di ritardo. Partita riaperta? Tortona, di quest’eventualità, proprio non vuole saperne e si rimette a macinare gioco e punti fino a tracciare tra sè e gli scaligeri il fossato più ampio dall’inizio della gara: 77-52. E con questo punteggio si conclude anche il penultimo quarto.

ULTIMO QUARTO – Tomassini lascia intendere con una tripla che Verona non è ancora disposta ad alzare bandiera bianca, Jones rafforza il concetto e, a tre minuti dalla sirena finale, i veneti sono a meno sette (74-81). Sanders torna a muovere il tabellino sul lato di Tortona  e Tomassini fà altrettanto su quello della squadra ospite. Nel finale i piemontesi rifiniscono il risultato a loro favore contro un solo bingo di Verona e portano a casa l’ottavo carico da due punti in altrettante gare con il punteggio di 87-80.

 

MIGLIORI IN CAMPO

LORENZO AMBROSIN (BERTRAM TORTONA): con le doppie cifre ha ormai salda confidenza, ha il potere di rendere la vita facile con la palla tra le mani, così ci si nasce.

FRANCESCO CANDUSSI (TEZENIS VERONA): Se Greene IV, diluviale contro Udine, è un po’ a corto di energie e manda a referto solo otto punti, a venire in soccorso, e con gli interessi, provvede lui.

 

TABELLINO

 

BERTRAM TORTONA: Ambrosin 22, Mascolo 19, Severini 11, Cannon 11, Fabi 8, Sanders 8, Gazzotti 7, Tavernelli 1, Graziani. N.e: Morgillo.  Coach: Vanni Talpo.

TEZENIS VERONA: Candussi 22, Tomassini 19, Jones 15, Severini 9, Greene IV 8,  Caroti 5, Janelidze 2, Colussa. N.e: Beghini, Calvi. Coach: Andrea Diana.

 

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.