fortitudo bologna

Un sontuoso Saunders e una difesa impeccabile: la Fortitudo sbanca Trento

Serie A Recap

Dolomiti Energia Trentino 64 – 78 Fortitudo Lavoropiù Bologna

(20-17; 36-38; 46-50; 64-78)

Chiusa definitivamente l’infruttuosa parentesi in Champions League, la Fortitudo Lavoropiù Bologna si è riaffacciata nel campionato di Serie A dopo due settimane di stop forzato cogliendo una pesantissima vittoria: i biancoblu hanno infatti sbancato Trento 64-78 portandosi sul 2-0 negli scontri diretti con i bianconeri e allontanandosi sempre più dalla zona calda della classifica. A spingere al successo i felsinei, rimasti anche senza Aradori (ko per un guaio muscolare nel terzo quarto) quest’oggi ci hanno pensato una difesa che ha tenuto Trento al 42% da due e al 28% da tre, ma anche un sontuoso Wesley Saunders (28 punti, di cui 14 siglati nel secondo quarto) che si è caricato l’attacco sulle spalle assieme ad Adrian Banks (10 punti conditi da 10 assist). Fatale alla formazione trentina anche il break di 13-2 subito tra terzo e quarto quarto che ha definitivamente consegnato agli uomini di Dalmonte l’inerzia del match.

Parte in maniera decisa e aggressiva Trento (7-3) che non si lascia irretire dalla zona e dal rientro della Fortitudo, aggrappata a Fantinelli, e tiene il v ancantaggiohe grazie ad un immarcabile Luke Maye (10 punti in 8’). Non bastano neppure i guizzi in chiusura di quarto di Aradori, infatti, per arrivare al pareggio (20-17 al 10°). Un paio di disattenzioni clamorose dei biancoblu in apertura di seconda frazione vanificano il riavvicinamento e anzi ridanno fiducia alla Dolomiti Energia che scappa addirittura a +8 (27-19) con cinque punti di fila di Browne che costringe Dalmonte al timeout. In uscita dal minuto di sospensione arriva anche il +9 bianconero, al quale mette una pezza Saunders che in un amen arriva a 7 punti (31-26). L’ex Cremona è scatenato e anche al rientro in campo tiene a galla praticamente da solo i suoi, riportandoli a -1 (34-33). Il pareggio arriva da oltre l’arco e porta la firma di Banks che poi si ripete con la zingarata del 36-38 di fine primo tempo.

Morgan e Maye riportano subito avanti con il tiro da fuori Trento che esce bene dagli spogliatoi e si porta a +4 (44-40). Rischia di piovere sul bagnato per l’Aquila che perde anche Aradori per infortunio, ma poi reagisce con un break di 10-2 suggellato dalla rovesciata di Totè che vale il +4 esterno (46-50). Whiters manca addirittura l’allungo ulteriore ma il canestro sembra stregato per la Dolomiti Energia Trento che a 10’ dalla fine ha ancora quattro lunghezze di ritardo. Il parziale si allunga in avvio di quarto quarto con la tripla di Baldasso, a cui Browne risponde sbloccando Trento con un “long two” (48-53). La fiammata del portoricano non basta però a riaccendere i padroni di casa che scivolano per la prima volta a -10 sotto i colpi di Saunders e Totè (48-58). Neppure l’ennesimo timeout di Brienza riesce a fermare la Fortitudo che al rientro in campo tocca il +12. L’inerzia passa definitivamente nelle mani della Lavoropiù che gioca con grande intensità e si affida al solito Saunders,  Baldasso, Totè e Banks per chiudere i conti dopo aver toccato il massimo vantaggio sul +15.

TABELLINI:

Trento: Williams 18; Browne 12; Forray 6; Sanders 4; Conti NE; Ladurner 1; Martin 2; Pascolo; Mezzanotte; Jovanovic, Morgan 8, Maye 13

Fortitudo: Fantinelli 5, Banks 10, Saunders 28, Hunt 8, Whiters 5, Aradori 5, Tote 10, Baldasso 9, Cusin, Sabatini NE.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.