Verso Brindisi-Trieste, Dalmasson: “Senza Covid Brindisi sarebbe prima. Non facciamo calcoli, serve solo generosità ed entusiasmo.”

Serie A News

Alla viglia di Gara 1 dei quarti di finale dei play-off contro il New Basket Brindisi il coach della Pallacanestro Trieste 2004, Eugenio Dalmasson, ha commentato il match che attende la sua compagine, predicando generosità ed entusiasmo ai suoi giocatori, pur sapendo quanto sia difficile l’avversario da affrontare.

Di seguito le sue dichiarazioni, tratte dal sito ufficiale della società giuliana.

“I playoff sono sicuramente la vetrina più importante dopo una stagione complessa e difficile per tutti. Trieste in quest’anno ne ha passate tante e coronare mesi di lavoro con questo epilogo è il riconoscimento più vero e giusto che ci potevamo aspettare. In un campionato decisamente molto equilibrato (dovuto anche ai problemi che trasversalmente hanno colpito tutte le squadre) abbiamo raggiunto uno storico settimo posto a pari punti con Treviso, dietro alle cinque corazzate del campionato. Il campo ci ha riconosciuto un posto tra le migliori e ci siamo goduti il momento.
Adesso però è già tempo di scendere di nuovo in campo e l’atteggiamento sarà fondamentale per poter esprimere la migliore pallacanestro che possiamo. Chiaramente se pensassimo a gestire le energie, viste le poche partite in poco tempo, potremmo tranquillamente già rientrare a casa. Dobbiamo invece scendere in campo generosi e entusiasti, giocare con intelligenza e leggerezza, senza farci trascinare dalla pallacanestro avversaria. Giocare con grande libertà mentale sarà importantissimo: quello che non siamo riusciti a fare alle Final Eight di Coppa Italia. Questi playoff saranno anche una cartina tornasole per capire se siamo maturati anche sotto questo punto di vista. Dobbiamo affrontare la sfida senza fare calcoli, solo così potremmo essere competitivi.

Brindisi bestia nera di Trieste? Mi pare forzato. Brindisi senza Covid sarebbe arrivata prima in questo campionato. Brindisi bestia nera di tutti, comprese Bologna e Milano che segnano 2-0 sul tabellone contro i pugliesi.  Hanno perso un paio di partite al rientro dalla malattia, ma hanno recuperato tutti i giocatori (il risultato con Varese lo dimostra) e ripeto, per rendimento stagionale sono la squadra più forte di questo campionato. Hanno caratteristiche ben definite che hanno messo in difficoltà tutti: una fisicità importante, grande velocità in campo aperto, sono la miglior squadra nei rimbalzi in attacco. Situazioni che abbiamo dimostrato di essere in grado di poter arginare, sia in stagione che nelle Final Eight, senza concedere loro delle vittorie semplici. Abbiamo certamente subito tre sconfitte, ma senza mai risultare inadeguati e anzi riuscendo a impensierire non poco gli avversari. Il campo ci ha dato quel tipo di sensazioni in quei momenti. Qui la maggior pressione e le partite secche, due consecutive, inseriscono ulteriori variabili che dovremo usare a nostro favore.  Per concludere, in questa situazione il discorso della mancanza del pubblico e delle difficoltà che ne derivano è sempre più vero. Non ci sarebbe stato miglior coronamento per questa stagione che giocare i playoff davanti ai nostri tifosi, sarebbe stato un regalo reciproco: per noi veder riconosciuto il lavoro fatto e per loro il godersi questo risultato”. 

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Trieste

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.