Alessandro Gentile in palleggio contro Mitchell Watt

Alessandro Gentile: “A Varese io capro espiatorio, il tempo sarà galantuomo”

Home Serie A News

È ormai agli sgoccioli l’avventura di Alessandro Gentile alla Openjobmetis Varese, iniziata solo la scorsa estate. L’azzurro ha completamente rotto con l’ambiente, a partire dal nuovo coach, e negli ultimi due giorni è stato accostato con insistenza a Brindisi. Sebbene la trattativa tra Varese e Brindisi si sia bloccata, almeno temporaneamente, Gentile poco fa ha rotto il suo silenzio su Instagram.

Con un lungo post, l’ex Milano, Virtus Bologna e Trento ha puntato il dito contro la dirigenza, che avrebbe avviato un progetto solo nelle intenzioni e non nei fatti. Gentile si è definito “il capro espiatorio” della deludente stagione varesina ed ha smentito di essere stato cacciato dall’allenamento di pochi giorni fa per scarso impegno, come invece era stato riportato.

Sono arrivato a Varese perché mi è stato proposto un progetto di un certo tipo… per un motivo o per un altro questo progetto non è praticamente mai iniziato. La nuova gestione ha in mente un progetto diverso e ha deciso di rivoluzionare squadra e società. Il resto sono solo chiacchiere vuote e speculazioni false. Il mio impegno non è mai mancato. Le cose sicuramente non sono andate bene e come sempre accade c’è bisogno di trovare un capro espiatorio.

Non è facile chiaramente assumersi le proprie responsabilità ed è molto più comodo far ricadere la colpa su altre persone. Ho incontrato a Varese tante belle persone ed è quello che porterò con me. Per quanto riguarda il resto, il tempo è galantuomo e sicuramente chi conosce davvero la situazione sa bene come sono andate le cose. Quando mi sveglierò domani mattina continuerò a fare della mia passione un lavoro e già solo per questo motivo mi sento estremamente grato e benedetto. Il resto sono solo parole superflue per riempire pagine di giornali e siti internet privi di alcun significato e intenti solo a creare una polemica che non esiste. Come sempre ho fatto il massimo, a volte riuscendo ad avere buoni risultati a volte no, ma sicuramente mettendoci sempre la faccia e mai nascondendomi. Il resto, come detto precedentemente, sono solo chiacchiere vuote. Il parafulmini non c’è più… in bocca al lupo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessandro Gentile (@alegentile5)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.