durant nets bucks

Brooklyn Nets vs. Milwaukee Bucks: le pagelle della serie

Home NBA News

BROOKLYN NETS

James Harden, 7: Un voto più per il sacrificio che per le prestazioni in sé. Va KO all’inizio di Gara-1, torna in Gara-5 e gioca visibilmente malconcio per 46′, contribuendo alla vittoria con la sola presenza in campo, calamita per la difesa. Cresce nelle ultime due partite della serie, anche se è lontano dalla forma migliore.

Mike James, 6: Chiamato in causa in assenza di Harden, l’ex CSKA si fa trovare pronto e nelle prime due gare della serie sfodera ottime prestazioni. Cala nelle due trasferte a Milwaukee ed esce dalle rotazioni appena rientra il Barba.

Kyrie Irving, 6.5: Buone prove fino all’infortunio, avvenuto in Gara-4. Nessuna partita eccezionale o memorabile, ma con lui in campo i Nets sono tutta un’altra cosa.

Kevin Durant, 9: Il miglior giocatore di questa serie, se non il miglior giocatore del mondo in questo momento. Sempre al top, nel momento del bisogno si sacrifica giocando tutti i minuti sia in Gara-5 che in Gara-7 (53′!!!!) e per poco, pochissimo, non vince la serie con un tiro impossibile. Nella partita decisiva dà tutto, segna 48 punti (record di sempre in una Gara-7), ma nell’OT è chiaramente sfinito.

Joe Harris, 4: Se c’è qualcuno da incolpare per la sconfitta dei Nets, quello è lui. Sia chiaro, una vittoria dei Nets non può passare esclusivamente dalle mani di Joe Harris, ma di sicuro non ha aiutato. A causa delle pessime percentuali da 3, alcune grafiche televisive lo hanno addirittura paragonato a Ben Simmons. Era il miglior tiratore della stagione regolare, contro i Bucks sono arrivati solo mattoni: 31% di media e 8/33 da Gara-3 a Gara-7.

Blake Griffin, 7: Veniva considerato un ex giocatore al momento della firma con Brooklyn, dimostra di essere ancora utilissimo. Si ritrova a difendere per la maggior parte del tempo su Giannis, riuscendoci con discreto successo in molte occasioni. In attacco riesce ad essere un fattore, complici anche le assenze. È lui il terzo violino dei Nets in questa serie.

Bruce Brown, 6: Sarebbe stata anche una serie più che positiva se non fosse stato per il criminoso finale di Gara-4 che poteva quasi chiudere la sfida sul 3-1. In quella partita è lui il principale artefice della rimonta dei Nets, ma è anche lui che consegna la vittoria ai Bucks decidendo di prendersi conclusioni che non gli competono nei momenti decisivi. Per questo mezzo punto in meno in una serie in cui comunque ha contribuito.

Nicolas Claxton, 6: Messo a marcare Giannis nelle prime 4 partite della serie, fa fatica ma a tratti fa un buon lavoro, poi esce dalle rotazioni.

Landry Shamet, 5: Se Harris gioca una serie orribile, lui fa leggermente meglio. In campo per la capacità di colpire da dietro l’arco, tira con il 25% di media nella serie e dà un contributo valido solo in Gara-2 e Gara-6.

Coach Steve Nash, 6: La stagione dei Nets è un flop, vista l’eliminazione al secondo turno, ma che colpe può avere lui? Senza Harden e Irving era oggettivamente difficile farcela, prova a cambiare le rotazioni dopo Gara-4 ma senza troppo successo. Aggiustamenti pochini, ma era prevedibile visto il roster abbastanza corto dopo gli infortuni.

 

MILWAUKEE BUCKS

Playoff NBA, gara-7 da leggenda: i Bucks vincono all'overtime ed eliminano  i Nets | Sky Sport

Jrue Holiday, 7: In attacco fa molta fatica, ma in difesa spesso riesce a fare la differenza, in marcatura prima su Irving e poi su Harden. Nonostante gli errori al tiro non si scoraggia e si dimostra un leader silenzioso.

Khris Middleton, 8.5: Nettamente il miglior giocatore dei Bucks in questa serie. Se guardiamo le statistiche sono inferiori a quelle di Giannis, ma il peso specifico delle giocate di Middleton è molto maggiore. Sempre presente, elegantissimo, stecca come tutti Gara-1 e Gara-2 ma poi è il principale artefice della rimonta. In Gara-6 è l’MVP assoluto, in Gara-7 inizia male ma sulla vittoria nel finale c’è soprattutto il suo zampino.

Giannis Antetokounmpo, 7.5: Difficile giudicare la serie del greco, a tratti molto positiva e in altri frangenti negativa. Inizia molto male nelle prime due partite, entrambe perse. I Bucks vincono Gara-3, ma Giannis gioca molto male con 33 punti, sì, ma con 31 tiri. Griffin gli rende la vita particolarmente difficile e lui non mostra grande QI cestistico, spesso preferendo conclusioni da fuori o dalla media che non sono proprio nelle sue corde. Nelle ultime partite della serie capisce di poter essere efficacie giocando per la maggior parte del tempo al ferro e infatti ha un grande impatto, in Gara-6 e Gara-7 è finalmente un giocatore da MVP. Stendiamo un velo pietoso sui tiri liberi.

PJ Tucker, 6.5: Sarebbe il “Durant stopper” dei Bucks. Ci mette tanta buona volontà, ma non ferma granché. Lui comunque non si arrende mai e, anche grazie ad un metro arbitrale abbastanza permissivo, qualche volta riesce a dare fastidio al fenomeno dei Nets.

Brook Lopez, 6: A tratti in difficoltà contro il quintetto piccolo dei Nets, ma tutto sommato la sua è una serie sufficiente.

Bryan Forbes, 6: Ha un ruolo rilevante in più di una partita di questa serie, risponde presente senza strafare e va in doppia cifra un paio di volte.

Pat Connaughton, 6: Discontinuo, in uscita dalla panchina a volte dà una mano con qualche tripla. Importante contributo in Gara-7 con 9 punti.

Bobby Portis, 5: Gioca le prime 4 partite non riuscendo mai a incidere, poi viene tolto dalle rotazioni.

Thanasis Antetokounmpo, 5.5: Gioca un totale di 23′ nella serie, per il resto è più una cheerleader che altro. Fa in tempo comunque a finire a terra dopo un crossover di Irving in Gara-4.

Coach Mike Budenholzer, 5: Bocciato. Se non avesse vinto questa serie probabilmente anche licenziato. Si conferma un coach senza estro, nonostante una super squadra a disposizione rischia di perdere una serie in cui i Nets erano senza Irving e Harden per larghi tratti. Nessun aggiustamento, insiste con Lopez anche contro il quintetto piccolo e viene salvato dai piedoni di KD. Se non altro si è finalmente deciso a concedere minuti importanti alle sue stelle.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.