Eurolega, Top 16, Girone E, Day One: Nel girone di Milano, Navarro distrugge l’Efes e Vitoria batte Malaga in traferta

Home
Andrès Nocioni, MVP di Malaga-Vitoria
Andrès Nocioni, MVP di Malaga-Vitoria

Unicaja Malaga – Laboral Kutxka Vitoria     79-93

Il riassunto della partita andata in scena a Malaga per la prima giornata della top 16 di Eurolega è questo: impossibile battere una squadra che tira 15/24 da 3 nel basket moderno, semplicemente impossibile. E’ così che il Laboral Kutxka espugna il Martin Carpena nel derby spagnolo di giornata: nonostante l’inizio sia tutto a favore dei padroni di casa, con Calloway a guidare i suoi per il 24-13 di fine primo quarto, i baschi si rifanno subito sotto nel secondo quarto per poi esplodere nel secondo tempo. Andrès Nocioni fa vedere di non essere ancora finito prendendo per mano i suoi e riportandoli in parità con un paio di canestri dalla distanza, con Hodge e Pleiss a fare il lavoro sporco; come già detto la squadra di coach Scariolo (che da questa settimana può anche contare sul playmaking del neoacquisto Peppe Poeta) strappa nel secondo tempo: 60 punti realizzati in due quarti sono un’enormità e le 15 triple messe a segno da Vitoria segnano il record ogni epoca per le top 16 di Eurolega; San Emeterio, Nocioni, Causeur, Mainoldi e Huertel colpiscono in successione dalla distanza per chiudere il terzo quarto sul 56-63 (tripla sulla sirena di Suarez per Malaga) e, nonostante gli sforzi di Zoran Dragic nel quarto periodo, Vitoria riesce a prevalere ancora grazie ai tiri dalla lunga di Nocioni e di San Emeterio.

Unicaja: Dragic 22, Calloway 17, Kuzminskas 13, Stimac 10, Toolson 6, Granger 4, Suarez 3, Caner-Medley 3, Sabonis 1, Vazquez, Vidal, Hettsheimeir.

Laboral: Nocioni 20, Hamilton 13, San Emeterio 13, Hodge 10, Heurtel 9, Causeur 8, Mainoldi 6, Hanga 6, Pleiss 6, Jelinek 2, Diop dnp, Poeta dnp

 

Juan Carlos "La Bomba" Navarro, dominatore di Barcelona-Efes
Juan Carlos “La Bomba” Navarro, dominatore di Barcelona-Efes

FC Barcelona – Anadolu Efes Istanbul     84-65

La partita andata in scena al Palau Blaugrana è stata senza storia: il Barcellona parte subito forte aprendo la gara 12-4 grazie ai canestri di Navarro e Nachbar ed un timeout riparatore di coach Mahmuti sembra dare i suoi frutti dato che il distacco tra le due formazioni rimane pressochè invariato fino alla fine del primo quarto (25-16). Nel secondo quarto si decide già la partita: un mega parziale di 25-2 costruito dal Barça con le conclusioni di Lorbek, Navarro ed Oleson spacca in due la gara e fa terminare il secondo periodo sul 53-29 in favore degli spagnoli. Nonostante gli sforzi dei turchi, il secondo tempo della partita è praticamente un enorme garbage time, con Navarro a farla da padrone segnando da ogni posizione.

Barcelona: Navarro 21, Oleson 13, Papanikolau 12, Dorsey 10, Sada 8, Nachbar 7, Lorbek 6, Huertas 3, Tomic 2, Hezonja 2, Lampe, Pullen dnp.

Efes: Erden 15, Savanovic 12, Gonlum 10, Planinic 9, Vasileiadis 8, Osman 5, Balbay 4, Bjelica 2, Gordon dnp, Kilicli dnp.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.