brittney griner

La Russia estende la detenzione di Brittney Griner, della quale non sappiamo più nulla

Home NBA News

Brittney Griner continua ad essere detenuta in Russia, ormai da quasi due mesi, con l’accusa di traffico di droga. La giocatrice americana, che quando non gioca in WNBA è la stella di Ekaterinburg, è stata arrestata lo scorso gennaio mentre lasciava la Russia per tornare negli USA, fermata all’aeroporto perché aveva dell’olio di cannabis nel contenitore della sigaretta elettronica. Griner rischia fino a 10 anni di prigione e da quando è stata arrestata non si sono più avute notizie di lei, se non per delle immagini diffuse dalle autorità.

Ora la Russia ha deciso di prolungare la sua detenzione almeno fino al 19 maggio. Il rischio, che ormai sembra anche essersi concretizzato, è che Griner si trasformi in un caso diplomatico, uno strumento che la Russia può utilizzare per mostrare i muscoli davanti agli USA per tutto ciò che sta accadendo nel mondo in queste settimane. Nell’ultimo periodo in tanti, negli Stati Uniti, si sono espressi per la liberazione della giocatrice, da Hillary Clinton ad altri politici, fino ad arrivare a colleghi NBA come Chris Boucher.

“Non c’è davvero abbastanza copertura mediatica su questa situazione” – ha però dichiarato la giornalista Tamryn Spruill, che ha organizzato una petizione online che ha già superato le 60.000 firme. – “Se al suo posto ci fosse un giocatore NBA del suo calibro, sarebbe sulle copertine non solo di ogni pagina sportiva ma di ogni testata del mondo”. Griner è una delle migliori giocatrici del mondo, due volte medaglia d’oro alle Olimpiadi, nonché campionessa WNBA nel 2014, sette volte All Star, due volte capocannoniere della Lega femminile e otto volte leader stagionale nelle stoppate.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.