Le pagelle di Sassari-Varese: sei uomini in doppia cifra per la Dinamo, Scola e Strautins combinano 59 punti

Home Pagelle Serie A

Senza fare troppa fatica, la Dinamo Sassari vince in casa contro la Openjobmetis Varese. Sei uomini in doppia cifra per i padroni di casa che scappano nel primo tempo annientando la squadra di Massimo Bulleri. Per i varesini, 33 punti di Luis Scola e 26 di Arturs Strautins che va vicino alla doppia doppia, ma non è abbastanza

Dinamo Sassari

Spissu 7.5: grande efficenza al tiro e nel mettere in ritmo i compagni, uno su tutti, Eimantas Bendzius. Quando non segna, smazza assist per i compagni. Continua la grande stagione del play sassarese.

Bendzius 7.5: bionico, un robot programmato per tirare e segnare. Al posto del canestro vede un larghissima vasca da bagno concludendo la gara da top scorer e 5/9 da tre punti.

Burnell 6.5: prima dell’espulsione a metà del terzo quarto, un’ottima partita per l’ala ex Cantù che colpisce dall’arco e trova facilmente la via del canestro.

Devecchi 6.5: chiamato in causa per coprire l’assenza di Kruslin, il capitano sassarese porta minuti di qualità ed esperienza.

Bilan 7: fondamentale nella costruzione del vantaggio nel primo tempo. 18 i punti a fine partita, ma di grande importanza la sua capacità di attrarre l’attenzione della difesa e smistare palloni per i compagni.

Tillman 7.5: esplosivo e preciso. Sotto canestro ha lavoro facile, grazie ai propri mezzi, e ad una marcatura che non sembra mettergli troppa pressione. 8/11 da due con 7 rimbalzi e 5 falli subiti in uscita dalla panchina.

Pusica 6.5: cinico e preciso soprattutto nel primo tempo. Per Vasa Pusica si tratta della quinta partita in doppia cifra su sei totali.

Gandini sv

Sanna sv

Casalone 7.5: grazie al 13/16 dall’arco nel primo tempo Sassari manda al tappeto la Openjobmetis già nel primo tempo. Fondamentale la costanza che la Dinamo ha messo sul campo sia col quintetto titolare sia con la second unit, senza alzare le mani dal manubrio anche dopo aver sfiorato quasi 40 punti di vantaggio. Sassari torna alla vittoria.

Pallacanestro Varese

Ruzzier 4.5: oltre ai 4 assist nel primo tempo, c’è poca roba oltre ai pochi minuti che dovrebbe avere un play titolare.

Douglas 5: un’altra partita in trasferta in cui la guardia americana fatica ad entrare in ritmo senza mai apparire. Non esattamente la prestazione che ci si aspetta da un giocatore della sua esperienza.

Strautins 6.5: Tira e segna, in area sgomita per cercare di crearsi spazio a rimbalzo e si sbatte per i  compagni. Al di là dei 26 punti e dei 9 rimbalzi, l’estone dimostra dedizione e intraprendenza rara nella partita del Pala Serradimigni.

Andersson 5: l’ultima partita in biancorosso per lo svedese? In settimana lo si saprà con precisone, ma purtroppo per lui e per Varese, contro Sassari non si vede nulla di nuovo che possa smentire la necessità di tornare sul mercato per la OJM.

Scola 7: uno sprazzo di luce nel buio pesto di Sassari. Insieme a Strautins, il Generale non accetta di tornare a casa con la peggiore sconfitta stagionale senza aver almeno provato di migliore le cose. Nel secondo tempo esce la sua onnipotenza palla in mano, da dentro e da oltre l’arco, anche se non è abbastanza per i prealpini.

De Nicolao 5.5: in uscita dalla panchina, De Nicolao cerca di portare in campo l’energia e lo spirito d’iniziativa che l’ha contraddistinto in queste prime sei gare di campionato. E’ l’unico della second unit varesina.

Jakovics 5: confuso e senza un’idea precisa di come trattare la palla quando entra dalla panchina. Non è lo stesso visto nell’ottima partita casalinga contro la Virtus Bologna

Morse 5.5: per la maggior parte dei minuti sul campo si trova su Bilan o a dover contrastare l’atletismo dei lunghi di Sassari nei giochi sui pick-n-roll. Sotto le plance si batte e non sfigura chiudendo con 6 rimbalzi.

Ferrero sv: solo 4 minuti e spiccioli per il capitano bianco rosso che esce nel primo tempo per un problema fisico.

Bulleri 5: anche se Varese non gareggia con squadre come la Dinamo, la rabbia di coach Massimo Bulleri parla chiaro. Da rivede l’approccio alla partita che, senza nulla togliere allo strapotere di Sassari, ha condizionato in maniera pesante la prestazione del Pala Serradimigni insieme ad una rotazione molto corta. Nei secondi 20 minuti, la Openjobmetis rialza la testa pulendo soprattutto le percentuali al tiro, Scola torna a dare lezioni di basket, l’argentino e Strautins segnano 59 punti combinati, ma per i biancorossi arriva la quarta vittoria di fila.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.