Milano asfalta Avellino con una vittoria di squadra e vola in semifinale. James Nunnally la ciliegina sulla torta

Home Serie A News Recap

A|X Armani Exchange Olimpia Milano- Sidigas Avellino: 92-76

(26-17, 21-22, 26-21, 19-16)

Con solidità, carattere e un James Nunnally sopra le righe – 25 punti – Milano si conquista l’accesso alle semifinali dei playoff asfaltando una Sidigas Avellino capace comunque più volte di mettere in dubbio la testa dell’Armani Exchange ma mai in grado di prendersi la leadership. A favorire l’Armani Exchange anche un’ottima circolazione di palla – 18 assist – e 4 uomini in doppia-cifra a certificare la capacità di colpire e ferire con più armi. 

Milano parte in fase offensiva con una palla persa che lancia Harper verso i primi due punti della gara, ma si costruisce subito il vantaggio nel pitturato con un paio di penetrazioni di Cinciarini e un’inchiodata in tap-in di Tarczewski per l’8-4. Nei primi 5’ di gioco, l’Armani Exchange concede qualche rimbalzo offensivo sterile grazie ad una difesa fastidiosa su Patrick Young e Udanoh. La Sidigas lascia qualche punto sotto canestro e allora Milano può doppiare gli ospiti (12-6) con la prima marcatura di un Nunnally che qualche secondo più tardi replica alla tripla di Filloy vicino al canestro. Sul chiudersi del primo quarto, Avellino rimane in scia grazie al tiro da lontano di Silins e Nichols (23-17), ma sono abili le scarpette rosse a ribattere a tono con Nedovic e una bomba di un Nunnally da 11 punti ad annullare gli sforzi degli ospiti. 

Non serve la prima pausa della gara per raffreddare i polpastrelli milanesi. L’Olimpia combina 11 punti nel giro di 3 minuti malcontati con tre triple di Nunnally, Jerrells e Kuzminskas. Avellino non oppone resistenza in difesa ma cerca di rifarsi sotto con due giochi da tre punti di Udanoh e Sykes per il 39-28. Andando verso l’intervallo, Milano abbassa il ritmo e Avellino trova il modo chiudere quanto può la forbice buttandosi di nuovo in area con i soliti volti di Udanoh e Harper per il -6, ma alla pausa lunga è 47-39.  

Per ristabilire un vantaggio solido a Milano servono punti nel pitturato. L’A|X riesce a scollinare di nuovo la doppia cifra di vantaggio e quota 50 punti con una schiacciata di Tarczewski e un gioco da tre di Nunnally, ma si tratta di un allungo messo più volte in discussione. Kuzminskas e Nunnally trovano non solo il fondo della retina ma anche le ribattute di Harper e Nichols per il 61-54.  Milano non ci sta e usa le maniere forti per rispedire gli ospiti sul -13 con un parziale di 12-6 (73-60) dopo 30’. 

Per cercare di ridurre maggiormente il vantaggio ad Avellino serve limitare lo strapotere interno degli avversari e ripulire la percentuale da tre punti, ma a tradire la squadra di Maffezzoli è proprio un doloroso 0/8 da oltre l’arco fino al 16’ del secondo tempo – 4/14 fino a quel momento – che permette a Milano concentrarsi sulla protezione del pitturato in difesa e spingere sul versante offensivo. Brooks e Nedovic mettono altri 11 punti in un amen, Jerrells infierisce con un’altra bomba e a 2 minuti dalla fine dei giochi Milano si conquista l’accesso alle semifinali toccando anche il massimo vantaggio sul 92-74. Al Forum termina 92-76. 

A|X Armani Exchange Olimpia Milano: Cinciarini 6, Della Valle NE, Jerrells 6, Nedovic 13, Nunnally 25, Fontecchio 0, Kuzminskas 12, Micov 4, Brooks 8, Musumeci NE, Burns 6, Tarczewski 12, Ferraris ; 

Sidigas Avellino: Filloy 5, Sykes 11, Harper 15, Campogrande 5, Udanoh 14, Guariglia NE, Nichols 15, Campani 0, Silins 3, D’Ercole NE, Spizzicchini NE, Young 8;  

Qui le statistiche complete

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.