russell westbrook

NBA – Russell Westbrook sulle triple-doppie: “Nessuno come me, non sono scontate”

Home NBA News

Ieri notte la striscia di 8 vittorie consecutive degli Washington Wizards si è interrotta contro i San Antonio Spurs, nonostante l’ennesima tripla-doppia di Russell Westbrook. La point guard ha chiuso la gara con 22 punti, 13 rimbalzi e 14 assist: la 29° tripla-doppia della stagione, a 7 dal record All-Time di Oscar Robertson. Nel post-partita, interrogato proprio sulle triple-doppie e su come ormai siano quasi “normali” per lui, Westbrook è sembrato innervosito.

Il fatto è che ci metto orgoglio, come ho detto, ogni singola serata, lascio tutto sul campo. Non c’è un giocatore come me. Se le persone vogliono prendere queste triple-doppie per scontate, mi dispiace per loro. Ma sono abbastanza sicuro che se gli altri giocatori riuscissero a farle, le farebbero… Mi assicuro di avere un impatto sulla partita in tanti modi ogni volta, in difesa, a rimbalzo, nei passaggi, negli assist, qualsiasi cosa serva alla squadra per vincere. Ed è ciò che faccio. Non mi interessa se qualcuno dice che è gonfiare le statistiche.

È curioso che dicano che non sia di aiuto per la squadra. Era di aiuto quando lo facevano Magic [Johnson, ndr] e Oscar [Robertson, ndr], ora dicono che sia facile. Questa m***a non è facile, ve lo posso garantire. Non è facile, ci vuole tanto orgoglio. Ci vuole orgoglio nel prepararmi e prendermi cura del mio corpo. Non mi prendo serate libere, non tradisco il gioco. Sapendo questo, sono a posto con me stesso con qualsiasi risultato. Se arriva una tripla-doppia, perché no? È il mio motto, “Why not?” [“Perché no?”, ndr].

 

LEGGI ANCHE:

Charles Oakley: “Zion Williamson niente di speciale, molto meglio Randle”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.