Terzo periodo terribile dell’ALBA: il CSKA vince senza difficoltà a Berlino

Coppe Europee Eurolega Home

ALBA BERLIN – CSKA MOSCOW 66-82
(15-17/19-22/8-22/24-21)

Non si ferma più la corsa del CSKA Mosca che vince a casa dell’ALBA Berlino e consolida il primato in classifica. I campioni in carica dominano la gara, nonostante i tanti tentativi degli avversari, in partita per mezz’ora ma assenti nel terzo quarto.

Dopo una prima metà di quarto equilibrata sono gli ospiti a dare la prima stoccata alla gara, sospinti dal talento di Hilliard, James e Bolomboy. L’ALBA rimane a ruota con Giffey e Ogbe ma alla sirena chiude forzatamente sotto le due lunghezze (15-17). I locali trovano il primo vantaggio Giedraitis e più volte tentano di rispondere ai tentativi avversari con Nnoko e Schneider. CSKA è però più esperta e grazie anche a Voigtmann e Clyburn ritrova ancora la testa della gara. I concitanti minuti finali vedono Bolomboy e Hilliard prendere in mano le redini dell’attacco e rispondere per le rime a Sikma e Nnoko, più pericolosi tra i tedeschi. Il canestro di James nei minuti finale sancisce il risultato e manda tutti negli spogliatoi sui due possessi di distanza (34-39).
I cinque punti iniziali dei padroni di casa alla fine della pausa lunga sembrano presagire una rimonta in atto. La tanto sperata risalita non arriva e anzi diventa quasi una tragedia per l’ALBA, che non segna più e subisce soltanto. I russi non fanno altro che spingere l’acceleratore con Voigtmann e James, autore anche del canestro che vale il +12 nato da una delle tante palle perse dai locali. Ancora Bolomboy e Hilliard nel finale di periodo mettono un sigillo virtuale portando addirittura 19 lunghezze tra le compagini, con 10 minuti da giocare e il silenzio rumoroso della Mercedes-Benz Arena (42-61). Forte del vantaggio il CSKA non forza e costruisce con pazienza la fase offensiva, mentre per i tedeschi non c’è tempo per ragionare; la palla va spesso oltre l’arco ma le triple non arrivano con la continuità dovuta, mentre Strelnieks si iscrive alla gara e cerca di portarsi a casa qualche punticino. Nel momento più importante James è freddo dalla lunetta e fa 3/3, Giedraitis e Sikma rispondono ancora ma l’ex Milano, coadiuvato dal solito monumentale Hilliard, chiudono i giochi con 6 punti letali. La passerella finale accompagnata i campioni in carica verso la quarta vittoria su quattro in regular season e la testa della classifica con Barcellona (66-82).

ALBA BERLIN: Schneider 11 – Sikma 11 – Giffey 11

CSKA MOSCOW: James 22 – Hilliard 21 – Bolomboy 12

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.