catanzaro

Un altro scandalo di molestie sessuali scuote il basket laziale

Home Minors

Si torna a parlare di molestie sessuali su minori all’interno del mondo del basket laziale.

La nuova vicenda vede protagonista in negativo Gabriele Alesse, da anni allenatore in vari settori giovanili a Roma. Nell’Aprile del 2018 il coach ha ospitato a casa sua due sorelle di 17 e 14 anni che allenava nel San Raffaele per guardare insieme una partita. Secondo l’accusa avrebbe approfittato dell’occasione per abusare della più grande “mettendole le mani ovunque”, come scrive Il Corriere della Sera.

Secondo la ricostruzione la ragazza aveva dei timori riguardo il suo impiego a causa di alcuni problemi fisici. Così Alesse, che godeva della massima fiducia della famiglia, ha invitato le due giovani a casa sua per una chiacchierata e per guardare insieme un match in tv. Dopodiché la più piccola si è addormentata e a questo punto le versioni iniziano a discordare. Secondo la ragazza e l’accusa sarebbero avvenute le molestie mentre l’allenatore si professa del tutto innocente, pur ammettendo l’inopportunità dell’invito. Dopo qualche giorno la giovane racconta l’accaduto ai genitori e scatta la denuncia. La sentenza di primo grado ha giudicato Alesse colpevole, condannandolo a due anni e sei mesi di reclusione a fronte di una richiesta di otto anni e tre mesi da parte della PM Daniela Urso. Nella causa ci sono anche i genitori della ragazza che si sono costituiti parte civile.

Il San Raffaele ha diramato una nota stampa in cui sottolinea che al momento la società ha un gruppo dirigente totalmente nuovo rispetto al 2018 e che i vecchi vertici avevano comunque allontanato il tecnico non appena saputo dell’accaduto, nel Giugno 2018. Una decisione presa anche sulla base del regolamento interno che imponeva di limitare al campo i rapporti con i minorenni.

 

L’avvocato Benedetta Mannu che assiste Alesse in questo iter giudiziario ha preannunciato ricorso, una volta che saranno state pubblicate le motivazioni della sentenza.

Aspettiamo le motivazioni della sentenza per poi fare appello. Quello che ci tengo a precisare è che Alesse ha sempre trattato con massimo rispetto tutti gli atleti e le atlete cha ha allenato nel corso degli anni e che allena tutt’ora.

Alesse nella sua carriera ha lavorato per la Stella Azzurra e la Virtus Roma in campo maschile, collezionando diverse partecipazioni alle finali nazionali. Con il San Raffaele, invece, ha vinto tre scudetti giovanili in ambito femminile. Nell’ultima stagione ha allenato La Salle, squadra di Serie C che gravita nell’orbita Stella Azzurra, giocando le sue partite all’Arena Altero Felici e componendo il roster con i prodotti del vivaio stellino.

 

Redazione BasketUniverso

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.