kuzma nba

5 pillole NBA del mese di gennaio

Home Rubriche Rubriche NBA

La NBA, a differenza dello scorso mese, a gennaio ha visto tantissimi protagonisti diversi mettersi in mostra. Tra record infranti, prestazioni individuali, ritorni eccellenti e franchigie che si stanno affermando, proviamo a scegliere 5 cose che hanno avuto un impatto particolare in questo mese.

 

JOEL EMBIID

Joel Embiid, Tobias Harris lift 76ers by Magic for fifth straight win | Fox News

Con l’infortunio di Durant e il calo di Curry, Embiid a gennaio ha provato a convincere tutti di essere lui il principale candidato al premio di MVP. Nel mese appena trascorso ha viaggiato a 34 punti di media, conditi da 11 rimbalzi e 5 assist. A livello realizzativo ha vissuto uno dei periodi più dominanti della sua carriera, non solo per i numeri quanto per la continuità nelle prestazioni. Dal 3 al 12 gennaio i Philadelphia 76ers hanno giocato 5 partite (4-1 il record): Embiid ha segnato 31 punti in tutte e 5 le gare, chiudendo appena una volta sotto al 50% al tiro. In 13 partite solo due volte ha terminato sotto quota 30. L’exploit è arrivato nella gara vinta contro Orlando: per Embiid 50 punti in 27 minuti di impiego. Dopo questa partita c’è stato spazio per altre due partite degne di nota: il centro dei 76era ha realizzato 40 punti nella sconfitta contro i Clippers e 42 punti contro i Pelicans.

 

KYLE KUZMA

Kyle Kuzma turns heads with wild outfit before Wizards game | Fox News

 

I primi mesi di questa nuova stagione nba avevano messo in preallarme tutti sulla possibile breakout season di Kuzma. Il mese di gennaio è cominciato con il botto: 29 i punti realizzati contro i Chicago Bulls, chiudendo con un ottimo 12/17 al tiro. Nella partita successiva (vs Charlotte) è arrivata la sua miglior partita di questa stagione. Season high con 36 punti, a cui vanno aggiunti anche 14 rimbalzi e 6 assist, che trascinano i Wizards alla vittoria. Sono 8 le doppie doppie andate a referto questo mese. Kuzma è stato il miglior realizzatore della squadra al pari di Beal (22.5 punti) e il miglior rimbalzista (11.1 di media). In 13 partite ha tirato con una percentuale al tiro superiore al 50%, senza mai chiudere sotto la doppia cifra per punti segnati. Per coach Unseld Jr è ormai un punto di riferimento nella metà campo offensiva: Kuzma infatti ha il secondo Usage rate dopo Beal e sembra essersi conquistato un posto all’interno delle gerarchie della squadra.

 

DALLAS MAVERICKS

NBA Rumors: Mavs 'Dark-Horse' For Jerami Grant Trade; Linked to John Collins & Marcus Smart - Sports Illustrated Dallas Mavericks News, Analysis and More

 

Dopo un inizio di stagione claudicante, sotto le aspettative, i Dallas Mavericks sono una squadra in rampa di lancio. Dal 2 al 19 gennaio i Mavs hanno vinto 9 partite su 10 disputate, rientrando così tra le prime sei squadre della Western Conference. Al momento la squadra di Jason Kidd mette in campo una delle migliori difese della nba, sia per quanto riguarda i punti in media concessi agli avversari (terzi con 103.4 punti) sia per la proiezione sui 100 possessi (5° miglior difensive rating con 107.3 punti). Molto del successo di Dallas passa chiaramente dalle prestazioni di Luka Doncic, anche questo mese vicinissimo alla tripla doppia di media con 25 punti, 10 rimbalzi e 9.5 assist.

 

ANFERNEE SIMONS

È sotto gli occhi di tutti la pessima stagione dei Portland Trail Blazers. Mentre molti si chiedono se valga ancora la pena pensare di puntare su Lillard, Anfernee Simons sta disputando una stagione da incorniciare. Al suo quarto anno nella Lega la guardia dei Blazers è indiscutibilmente il miglior giocatore della squadra. Nel mese di gennaio il suo minutaggio è passato da 25 minuti a oltre 36: Simons sta viaggiando a oltre 24 punti di media, a cui si aggiungono  7 assist e un più che discreto 44,8% dall’arco. Delle 10 partite chiuse sopra quota 20 punti ha terminato due volte sopra la soglia dei 30 (contro Sacramento e Washington). Il season high lo ha fatto registrare il 3 gennaio nella gara vinta contro gli Hawks: 43 punti con 9 triple a segno su 16 tentativi. Se Portland è ancora aggrappata alla possibilità di giocare il play-in a fine stagione, molto lo devono anche a Simons.

 

MINNESOTA TIMBERWOLVES

Minnesota Timberwolves: Power rankings round-up, Week 12

 

Finalmente sono pronti. La squadra allenata da Chris Finch ha un record del 50% (25 vinte – 25 perse) e sta provando in tutti i modi a ritagliarsi il proprio spazio nella corsa playoff. Difficilmente Minnesota riuscirà a qualificarsi direttamente alla post-season, ma sembra che la squadra sia uscita dall’incubo che l’ha vista coinvolta nelle ultime stagioni. In questo mese i Timberwolves hanno vinto 9 partite su 15, battendo squadre come Golden State, Brooklyn e Utah. Il quintetto composto da Beverley, Russell, Edwards, Vanderbilt e Towns registra un NET rating di +30 punti su 100 possessi, figurando come uno dei migliori di tutta la nba. KAT in particolare sembra aver ritrovato continuità all’interno delle sue prestazioni e il roster si amalgama bene con le sue caratteristiche. Il roster non è particolarmente profondo, ma Finch ha trovato alcuni ottimi elementi in Nowell e Reid. E se Edwards continua a questi livelli…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.