robert sarver

Robert Sarver ha deciso: venderà Phoenix Suns e Mercury

Home NBA News

Le pressioni esterne, dopo la multa e la squalifica decise dalla NBA considerate troppo blande, hanno alla fine spinto Robert Sarver a vendere le due franchigie che possiede, i Phoenix Suns e le Phoenix Mercury. Il 60enne owner dei Suns nei mesi scorsi era stato coinvolto in uno scandalo che aveva visto decine di ex dipendenti denunciare episodi di sessismo, razzismo e misoginia sul luogo di lavoro. Un’inchiesta della NBA ha verificato questi comportamenti e ha punito Sarver con un anno di squalifica e una multa da 10 milioni.

Giocatori come LeBron James e Chris Paul, oltre che la sindaca di Phoenix e lo sponsor della squadra, PayPal, avevano preso posizione contro Sarver nei giorni scorsi. E alla fine l’imprenditore ha deciso che metterà in vendita le due squadre, in un epilogo simile a quello che ebbe Donald Sterling diversi anni fa. Contrariamente a quella situazione però Sarver ha deciso di lasciare meno bruscamente, dichiarando in una nota di non voler rappresentare una distrazione per le due squadre e che continuerà a fare del suo meglio per diventare una persona migliore.

Secondo Adrian Wojnarowski, l’appeal dei Suns, sia per il valore attuale della squadra che come destinazione di futuri free agent, sarebbe molto elevato.

Adam Silver ha commentato la notizia dicendo di “supportare completamente la decisione di Sarver”, dopo che nei giorni scorsi aveva esplicitamente dichiarato che non avrebbe costretto l’owner a vendere la squadra. CJ McCollum, presidente della NBPA, ha invece scritto in una nota: “Ringraziamo il signor Sarver per aver preso una rapida decisione nel miglior interesse della nostra comunità sportiva”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.