italbasket

Team Profile della FIBA: l’Italia può legittimamente pensare di puntare al podio

Home Nazionali World Cup 2023

L’Italia ha una ricca tradizione nella pallacanestro internazionale FIBA, ma è dalle Olimpiadi del 2004 che non arriva tra le prime quattro in un evento importante. Gli Azzurri sperano di cambiare questa situazione nelle Filippine.

Il roster

Gli italiani hanno una forte miscela di leader veterani e giovani giocatori di talento pronti a fare il passo successivo. Se si aggiungono tutti questi elementi, l’Italia può legittimamente pensare di essere una delle pretendenti al podio della FIBA Basketball World Cup 2023. Gli Azzurri hanno messo insieme un roster abbastanza forte da poter dare filo da torcere a qualsiasi squadra.

Il tiratore scelto Simone Fontecchio si è affermato in NBA alla sua prima stagione e la squadra ha leader veterani come Luigi Datome, Nicolo Melli, Achille Polonara, Giampaolo Ricci e Stefano Tonut.

Marco Spissu è diventato un vero leader come playmaker, mentre Gabriele Procida e Matteo Spagnolo sono due giovani di grande talento che possono brillare quando ne hanno l’occasione.

La domanda

L’Italia ha dimostrato a FIBA EuroBasket 2022 di essere in grado di stupire: ha sconvolto la Serbia negli ottavi di finale e poi ha portato la Francia ai supplementari nei quarti di finale. La squadra non solo ha talento, ma è spinta dal suo allenatore Gianmarco Pozzecco, ultra-competitivo ed energico.

Gli Azzurri hanno raggiunto le prime otto posizioni in sei degli ultimi sette eventi FIBA, ma non hanno mai raggiunto le semifinali. Riuscirà l’Italia a sfondare con il suo mix di stelle?

La speranza

La speranza è alta per l’Italia, perché Pozzecco ha un gruppo solido di giocatori che giocano insieme da tempo. La squadra avrà la motivazione e la fiducia aggiunte dall’ultima prestazione a EuroBasket, che sarebbe stata migliore se Fontecchio non avesse sbagliato due tiri liberi a 16 secondi dalla fine, quando l’Italia era in vantaggio sulla Francia per 77 a 75. La Francia ha poi segnato per forzare i tempi supplementari e ha vint, raggiungendo le semifinali.

Se a questo si aggiunge un altro anno di leadership per Fontecchio e Spissu, più Procida e Spagnolo, l’Italia può sognare di arrivare per la prima volta tra le prime quattro ai Mondiali dal 1978.

La paura

Quando l’Italia nuota nell’euforia, nessuno è al sicuro. Ma l’Italia ha anche delle preoccupazioni. I veterani ultratrentenni potrebbero avere problemi fisico; il centro sottodimensionato Nicolò Melli potrebbe non riuscire a gestire gli altri lunghi del torneo; le giovani leve potrebbero andare in affanno; l’attacco potrebbe bloccarsi e non riuscire a segnare abbastanza punti per premiare la forte difesa della squadra.

Pozzecco può dare energia a questa squadra, ma alla fine sono i giocatori che devono decidere la partita e vincerla sul campo.

Fonte: ufficio stampa FIBA World Cup 2023

Leggi anche: La nuova vita di Gianluca Basile: “Vedere le olive diventare olio è come vincere l’EuroLega”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.