vanessa bryant nike

Vanessa Bryant attacca Nike per la realizzazione delle scarpe “Mambacita”

Home NBA News

Kobe Bryant è stato per anni uno degli atleti di spicco di Nike, ma il mese scorso, scaduto il contratto che legava la figura del Black Mamba al brand, Vanessa Bryant ha deciso di non rinnovarlo. La donna sarebbe rimasta negativamente colpita dalla gestione dei prodotti legati a Bryant dopo la sua morte, e da allora ha fondato un suo brand proprio di nome “Mamba” i cui proventi andranno in beneficienza.

La saga tra Vanessa e Nike si è però arricchita di un nuovo episodio nelle scorse ore, quando la moglie di Kobe ha attaccato l’azienda su Instagram. A quanto pare Vanessa avrebbe lavorato insieme a Nike alla realizzazione di un modello di scarpe in onore della defunta figlia Gianna, denominate “Mambacita”. Dopo la scadenza del contratto però i lavori si sono interrotti e le scarpe non avrebbero dovuto mai vedere la luce. Come scritto nel post di Instagram da Vanessa però qualcuno ha questo modello esclusivo, nonostante il contratto scaduto e il suo mancato assenso. Pare addirittura che Khris Middleton le abbia indossate in Gara-4 tra Bucks e Heat pochi giorni fa.

“Le scarpe Mambacita non sono in vendita. Volevo venissero vendute in onore di mia figlia con tutti i proventi che sarebbero stati donati alla Mamba&Mambacita Sports Foundation, ma ho deciso di non rinnovare il contratto con Nike e quindi di non vendere le scarpe” – ha scritto Vanessa Bryant. – “Nike non ha mandato alcun paio di queste scarpe a me o alle mie figlie. Non so se qualcun altro abbia le mani sulle scarpe che ho disegnato in onore di mia figlia Gigi, noi sicuramente no. Spero che queste scarpe non siano state vendute”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vanessa Bryant 🦋 (@vanessabryant)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.