fontecchio

Italbasket, Fontecchio parla del suo futuro in ottica Olimpiadi e NBA

Home Olimpiadi 2024

Simone Fontecchio segue da casa l’Italbasket, impegnata da questa sera nel PreOlimpico.

L’azzurro è stato ospite di Sky Sport, aggiornando sulle sue condizioni e facendo capire che, in caso di qualificazione alle Olimpiadi, non potrà comunque essere a Parigi.

Sono nel pieno della fase di riabilitazione, a sei settimane dall’intervento che ho subito a New York dallo stesso chirurgo che ha operato Kevin Durant. All’inizio non si è capita bene la gravità dell’infortunio, poi ci siamo resi conto che l’operazione era l’unica soluzione, ci vorrà ancora tempo ma sarò pronto per l’inizio della prossima stagione.

Dopodiché Fontecchio ha parlato dell’appuntamento in Porto Rico.

Non dobbiamo sottovalutare nessuno, il Bahrein è alla nostra portata ma sono sicuro che i ragazzi non prenderanno l’impegno sottogamba. Li seguirò a distanza, hanno bisogno del nostro supporto perché servirà un’impresa per andare a Parigi.

Successivamente una battuta sul CT Gianmarco Pozzecco e un episodio molto curioso, risalente alla scorsa estate.

Pozzecco è uno molto diretto, trasmetti concetti semplici e chiari, lo fa dicendo le cose in faccia. Lo scorso anno a Folgaria a fine allenamento ero stanco e stavo difendendo in maniera un po’ troppo blanda. Lui mi ha ripreso e mi ha detto: “Se vuoi difendi così in NBA, non in Nazionale”. Poi ha preso ed è andato via. Ogni tanto si arrabbia ma subito dopo è facilissimo farci pace.

Infine uno sguardo al futuro. Fontecchio sta trattando con i Detroit Pistons per prolungare la sua permanenza a Motor City e spera che la trattativa si chiuda a breve.

Sono giorni delicati, i miei agenti stanno parlando con i Pistons, c’è la volontà di continuare da entrambe le parti, il mercato NBA è imprevedibile ma siamo fiduciosi. A Detroit sono cambiati general manager e allenatore, mi dispiace che Monty Williams sia andato via perché era stato lui a volermi. Credo che l’obiettivo sia fare meglio dello scorso anno, io personalmente sono contento dei miei risultati ma devo crescere ancora se voglio avere spazio in una squadra competitiva.

 

 

Redazione BasketUniverso

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.