Staff Mantova travolta dalla potenza di fuoco di Udine: sugli scudi Antonutti e Johnson

Serie A2 Recap

STAFF MANTOVA – APU OLD WILD WEST UDINE 81-99

(27-22,16-28,23-27,15-22)

 

Pronti via ed è Udine a marcare il primo canestro del match con Giuri ma la Staff ribatte immediatamente con il doppio canestro di Bonacini e i liberi di capitan Ghersetti (6-2). I padroni di casa aumentando l’intensità difensiva e il ritmo in attacco riescono a trovare sia tiri aperti facili dalla lunga distanza con Cortese e ancora Ghersetti, sia realizzazioni nel pitturato con la schiacciata poderosa di Weaver (20-14). L’Apu Old Wild West, dopo un attimo di annebbiamento generale, ritorna sotto in maniera prepotente trovando pure il sorpasso con la tripla di Italiano e quattro punti in sequenza di Amato (20-21). Nel finale di quarto Bonacini, Maspero e James permettono agli Stings di chiudere la prima frazione sul +5 (27-22). Da segnalare il debutto stagionale del baby mantovano Ziviani (classe 2002). Nei primi due minuti del secondo quarto i friuliani sembrano indemoniati e infatti piazzano un break di 10-0: protagonista assoluto è Pellegrino che realizza ben 7 punti consecutivi facendosi largo sotto le plance. Mantova, dopo aver subito il contraccolpo psiciologico esce dal tunnel e rivede la luce con due splendide giocate rispettivamente di Bonacini e James (31-36). L’Apu comnunque continua ad avere un altro passo costringendo i virgiliani agli straordinari per riuscire a contenere la potenza di fuoco sprigionata dai loro giocatori, tra i quali spiccano Giuri (tripla) e Antonutti (onnipresente a rimbalzo in attacco). Bonacini prova a tenere a galla i suoi (già 11 punti a referto) ma gli ospiti allungano ancora con Pellegrino, Amato (bomba) e il solito Antonutti chiudendo all’intervallo sul 43-50.

Al rientro dagli spogliatoi la Staff Mantova prova subito a ricucire il gap con Cortese e Weaver (canestro da sotto + tripla) ma i friuliani controbattono con il solito Antonutti, Pellegrino e DeAngeli e sull’ennesima tripla di Giuri, Mantova è costretta a chiamare timeout per riordianare le idee (50-61). Le cose però non migliorano per gli Stings che subiscono una sequenza impressionante di triple da parte di De Angeli, Johnson e Amato (55-70). Gli Stings comunque sembrano tutt’altro che arrendevoli e riescono ad accorciare con Ghersetti, Bonacini e Cortese alla fine del terzo quarto (66-77). L’ultimo quarto è decisamente a sesnso unico per la formazione bianconera: Johnson e Amato sono glaciali dall’arco dei 3 punti (Udine chiuderà il match con uno stratosferico 14/29) e Antonutti si conferma un leone sotto canestro. Per Mantova (rimasta all’asciutto senza segnare per quasi 4 minuti) non bastano i canestri nel finale di James e Weaver ed è costretta ad alzare bandiera bianca per manifesta superiorità dell’avversario (81-99).

 

TABELLINI

STAFF MANTOVA: Infante 1, James 21, Ferrara 0, Ghersetti 15, Maspero 4, Cortese 16, Bonacini 13, Weaver 11, Ziviani 0, Flan ne, Albertini ne, Mirkovski ne.  All: Di Paolantonio

UDINE: Johnson 16, DeAngeli 5, Amato 13, Antonutti 16, Mobio 5, Foulland 3, Giuri 11, Nobile 4, Pellegrino 17, Italiano 9. All: Boniciolli

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.